Principale Ambiente & Salute Taranto – Acciaieria inquina sempre nuova sentenza di Bruxelles

Taranto – Acciaieria inquina sempre nuova sentenza di Bruxelles

Ilva, D’Amato (Greens): da Cedu nuovo schiaffo al governo e a Bruxelles, produzione va fermata

“La sentenza di oggi della Corte europea dei diritti dell’uomo è un nuovo schiaffo al governo, ma anche alla Commissione Ue. La Cedu certifica che l’ex Ilva continua ‘a rappresentare un rischio per la salute’ dei suoi operai e dei cittadini di Taranto, ricordando che l’anno scorso ‘le autorità italiane non avevano fornito informazioni precise sulla messa in atto effettiva del piano ambientale’.

Da allora la situazione è persino peggiorata: l’Arpa Puglia ha di recente riscontrato ‘significativi incrementi delle concentrazioni degli inquinanti gassosi, in particolare biossido di zolfo e benzene’.

In tutto questo, il premier Draghi ha in programma un aumento della produzione dell’impianto, tra l’altro attraverso il dirottamento di 150 milioni di euro che dovrebbero invece andare alle attività di bonifica.

Tra l’altro, non ci risulta un piano industriale. Dal canto suo, la Commissione europea, nonostante i miei ripetuti solleciti, continua a voltarsi dall’altra parte e a bloccare la procedura d’infrazione contro l’Italia.

La verità è che ancora una volta i cittadini di Taranto sono destinati a venire sacrificati in nome dell’acciaio. Stavolta, la scusa sono gli effetti economici della guerra, che hanno reso ancora più salda la convergenza di interessi tra Roma e Bruxelles.

La Cedu invece ci ricorda che a Taranto è in atto da troppo tempo una gigantesca violazione dei diritti umani, di cui l’Italia e l’intera Europa dovrebbero vergognarsi”. Lo dice l’eurodeputata dei Greens, Rosa D’Amato, commentando le 4 nuove condanne emessa dalla Cedu nei confronti dello Stato italiano a causa delle emissioni dell’Ilva.

Le condanne riguardano i ricorsi presentati tra il 2016 e il 2019 da alcuni dipendenti dell’impianto siderurgico oltre che da oltre 200 abitanti di Taranto e di alcuni comuni vicini.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.