Principale Cultura & Società Poeti e poesie nel nostro dialetto dal ‘700 ad oggi

Poeti e poesie nel nostro dialetto dal ‘700 ad oggi

Biblioteca Bernardini 5 maggio ore 19
 
Interviene il prof. Marcello Aprile Università del Salento, Coordina Raffaele Polo
 
Una sorta di ‘chiamata alle armi’ per tutti i cultori del dialetto di casa nostra, che prende senso e titolo dall’immortale verso di Francescantonio D’Amelio, papà dei poeti leccesi, che scrive:”… è la lingua de lu tata/ ca me scioca ‘ntra lli dienti…”
Il 5 maggio (data collegata tradizionalmente proprio alla Poesia…) all’ex Convitto Palmieri di Lecce, dalle ore 19 si incontra una vera e propria ‘nazionale’ di poeti, artisti, attori e amici del dialetto che, agli ordini del professor Marcello Aprile, dell’università del Salento e con il coordinamento di Raffaele Polo, percorreranno le piacevoli strade del mai dimenticato linguaggio nostrano…
Ci saranno William Fiorentino, Franco Ciardo, Uccio Colonna, Oronzino Invitto, Lola Giuranna, Dora Solini con l’associazione culturale “Teatro Valle della Cupa” per il Teatro in vernacolo; per la poesia Gino Maragliulo, Carlo Vincenzo Greco, Luigi Bottazzo e Rita Rucco con il ricordo dell’indimenticabile Niny. Per ‘dialetto e musica’ interviene Enzo Marenaci e poi un nugolo di interventi, disseminati nel corso della serata: Giusy Agrosì, Mario Calcagnile, Ezio Calemi, Pino De Luca, Caterina de Vita, Giuseppe Greco, Luigi Liaci,  Sandro Mottura, Fabio Placì, Cosimo Renna, Tina Rizzo de Giovanni, Antonietta Fulvio e Federica Murgia.
L’evento è realizzato nell’ambito delle attività culturali della Biblioteca Bernardini di Lecce
Ingresso libero con rispetto alla regolamentazione sanitaria anti.Covid.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.