Principale Cronaca Al via la stagione balneare del ritorno alla normalità

Al via la stagione balneare del ritorno alla normalità

Al via la stagione balneare del ritorno alla normalità

Di Giorgio (La Spiaggetta club):”Ci siamo allegeriti del peso delle norme restrittive anti Covid”.

L’Ordinanza balneare della Regione Puglia del 28 aprile scorso dispone l’inizio della stagione balneare a partire dall’uno maggio e sino al trenta settembre. La stagione estiva 2022 si preannuncia come quella del ritorno alla normalità. La fine dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid elimina tutta una serie di vincoli e restrizioni alle quali gli stabilimenti balneari si sono dovuti attenere negli ultimi due anni. Insomma è come se il datario tornasse indietro al 2019.

“Diciamo che dopo due anni ci è stato alleggerito il carico di disposizioni alle quali ci dovevamo attenere. Le distanze in spiaggia, ad esempio, sono tornate quelle che erano pre covid, gli ombrelloni possono stare più vicini e sono state eliminate tutte le restrizioni che erano riferite al Covid. Possiamo ricominciare a respirare normalità serio” – spiega, tirando un sospiro di sollievo, Luciano Di Giorgio, proprietario, assieme all’inseparabile fratello Adriano, da circa 20 anni, de “La Spiaggetta club”, uno degli stabilimenti balneari più cool del litorale tarantino, nonché membro del direttivo del sindacato di categoria, SIB.

Il 2020 in termini di frequentazione è stato comunque strepitoso perché ovviamente dopo tre mesi di lockdown, spaventati da un virus del quale non conoscevamo quasi nulla, seppur soggetti a limiti, prescrizioni, sanificazioni, l’uso obbligatorio delle mascherine, registrazioni che consentissero la rintracciabilità, la gente era vogliosa di uscire di casa, di tornare alla vita, di vivere all’aria aperta. Abbiamo avuto un aumento di presenze mai visto nei giorni feriali” – prosegue Di Giorgio- Nel 2021, invece, c’è stata una consapevolezza differente. Siamo stati tra i primi a far vaccinare il nostro personale. Abbiamo iniziato un nuova fase con l’ospitalità di turisti italiani e soprattutto stranieri provenienti dalle navi da crociera della MSC. Gli ospiti arrivavano da noi in bolla sanitaria, venivano tutti tamponati una volta scesi dalla nave e dirottati su autobus ad uso esclusivo che li accompagnavano presso le nostre spiagge, riservate solo a loro e chiuso al resto della clientela”.

E quest’anno cosa si prevede? ”Assieme ai colleghi del Blue Sun continueremo ad ospitare ogni mercoledì i passeggeri della navi da crociera. C’è voglia di tornare a far festa. Il nostro stabilimento è sempre stato apprezzato, oltre che per il bel tratto di mare tanto da essere rinominato Taraibi, per i suoi momenti di aggregazione, per il suo clima di divertimento, per le tante iniziative ludiche e finalmente i nostri ospiti stranieri potranno socializzare con i nostri clienti abituali di Taranto e della provincia.

Tra l’altro stiamo lavorando per portare altre compagnie e altri tour operator a lavorare con noi. Negli ultimi anni sono sorte nei dintorni tante strutture ricettive con le quali collaboriamo, è aumentata la presenza di ospiti stranieri (francesi olandesi tedeschi, svizzeri). Con l’avvento delle crociere abbiamo finalmente un respiro internazionale. Ci siamo adattati ad una nuova realtà, abbiamo implementato il nostro servizio, rendendolo sempre più qualificato. Insomma abbiamo allargato il nostro orizzonte lavorativo. L’auspicio più grande per il futuro è vedere realizzata finalmente la superstrada Talsano-Avetrana che rappresenta un’importante chiave di volta per il settore dell’accoglienza nell’arco litorale jonico orientale”.

Infine, con Luciano Di Giorgio de “La Spiaggetta”, tocchiamo l’argomento caro prezzi:” Rispetto allo scorso anno per i servizi che offriamo abbiamo dovuto applicare un aumento di circa il 6%, costretti non solo dall’aumento delle fonti energetiche e quindi delle utenze, del carburante, del materiale per effettuare la manutenzione (legname, vernici) ma anche dall’incremento del corso delle materie prime alimentari visto che noi offriamo anche un servizio di bar e ristorazione. Purtroppo nel corso di un solo anno, gli aumenti di tutte queste componenti sono stati vertiginosi e abbiamo cercato di impattarli il meno possibile sul nostro tariffario. Ci tengo che il nostro servizio di salvamento è a disposizione anche per le spiagge libere così come le nostre infermerie che forniscono un importante servizio di primo soccorso, sostituendosi spesso ai presidi sanitari estivi. Siamo dei privati che abbiamo a cuore il nostro territorio”.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania

Corriere Nazionale

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.