Principale Cultura & Società Carosino (Ta) – C’è nu giardinu mienzo allu mari

Carosino (Ta) – C’è nu giardinu mienzo allu mari

C’è nu giardinu mienzo allu mari. La storia di Carosino nel Festival di Primavera Fucarazza

All’interno del cartellone “Festival di primavera” organizzato dall’associazione Fucarazza, si è svolta una interessante giornata all’aperto con tante associazioni carosinesi, grazie all’intuizione e all’idea di vivere insieme il progetto da parte di Angelo Campo di Archeoclub.

Sabato 23 Aprile 2022 l’albero delle radici ha messo le radici presso Citrigliano, luogo di campagna non molto lontano da Carosino, zona Civitedda, presso il quale si erano rifugiati li Carsunisi, per sfuggire alla spada di Skanderbeg.

Balli, canti, cunti, durante il tragitto. Arrivati in aperta campagna, sulle orme del pastorello Fortunato, Carmen e Teresa ci hanno accolti con canti antichi, nascoste tra gli alberi.

Poi Angelo ha raccontato la storia di Citrigliano dal punto di vista storico ed Elena, di Donneinfermento, dal punto di vista del miracolo del pastorello a cui apparve la Vergine.

Ecco il testo ricostruito da Elena con gli amici leccesi durante un vecchio cammino sullo stesso posto dell’apparizione, in seguito alla quale è spuntato un roseto visibile per secoli.

Ecco le parole:

Simu nnati a nu paese, fattu ppe ncantare e pi quistu ammù cantato “vitti na crozza” e, su na pianura ste, si chiamava Citrigliano , circundatu di uva e aulie; luntano si videva lu mare. Bedde le case janche; bedde li stritti; quiri vicino alla Chiesa madre, a ddo cumpario la Madonna a Fortunato. Nu pastorello. Sempre li pastorelli, li cristiani semplici portunu la buona novella. Comu a quera di lu Mammino. Beddi li giurni ca passeno, ca passeno cusì dduci intra stu paiso a do si contano li favole alli piccinni. E beddo lu campanili ca mi parla cu lu suenu di campani. Quannu spunta lu tramonto rricamatu. E quanno li cristiani passano e ti salutano; addò stonu sciurnate comu a quiste qua, do tutti ni vulimu bbene.

Siamo tornati tutti insieme cantando, senza strumenti, solo con la voce, una voce felice perché lo stare insieme crea felicità: C’è nu giardinu ammezu di lu mari tuttu ntessutu di aranci e ciuri tutti l’acceddi cci vannu a cantari puru i sireni cci fannu all’amuri

Elena Manigrasso

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.