Principale Cronaca SAVE THE HEART Aspettando Running Heart 2023 : AMA Cuore partner della...

SAVE THE HEART Aspettando Running Heart 2023 : AMA Cuore partner della manifestazione

Di Riccardo Guglielmi

La recente pandemia ha impedito il regolare svolgersi a Bari nel 2021 di Running Heart, la Corsa del cuore, ideata nel 2017 da Massimo Grimaldi, il noto aritmologo direttore della Cardiologia dell’Ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti e da Rino Piepoli, imprenditore e presidente di Bari Road Runners.

Nell’incertezza delle autorizzazioni al regolare svolgimento della manifestazione podistica, la Sezione Puglia dell’ANMCO, associazione nazionale cardiologi ospedalieri, presieduta da Antonella Mannarini dirigente medico della Cardiologia Ospedaliera del Policlinico di Bari,  in collaborazione con AMA Cuore Bari OdV, con il supporto non condizionante della Fondazione Puglia hanno promosso SAVE THE HEART Aspettando Running Heart 2023.

Lo scopo della corsa era sensibilizzare l’opinione pubblica ad adottare corretti stili di vita nella lotta alla prevenzione delle malattie cardiovascolari che rappresentano la causa di morte statisticamente più significativa nei paesi occidentali. In Italia sono responsabili del 35,8% dei decessi con prevalenza maggiore nelle donne, superando i 230mila casi per anno.

Due anni di pandemia per l’aumento della sedentarietà, alimentazione ricca di cibi calorici, crisi economica, chiusura di palestre e piscine, il conseguente aumento dei conflitti sociali e familiari, hanno fatto crescere questi dati statistici.

Locandine, spazi pubblicitari, interventi televisivi, materiale didattico negli sudi dei medici di Medicina generale vogliono favorire la diffusione delle informazioni necessarie per riconoscere il dolore toracico di origine cardiaca, distinguerlo da altra natura, attivare il 118, evitando di raggiungere il Pronto soccorso con mezzi propri o attendere l’arrivo del medico curante. Il “tempo è muscolo” dicono i cardiologi e le più alte probabilità di salvare il muscolo cardiaco si realizzano quando l’intervento è tempestivo e affidato a operatori competenti.

«La campagna vuole dimostrare – precisa Antonella Mannarini – l’importanza della famiglia che non deve più perdere tempo e attivare i soccorsi idonei. SAVE THE HEART vuole trasmettere gli elementi formativi alla popolazione pertanto si avvale della Medicina generale e del volontariato».

«Dobbiamo – commenta Massimo Grimaldi – sentire il nostro corpo e saper riconoscere il dolore cardiaco, distinguerlo da quello non cardiaco. Attivando il 118 ed escludendo l’uso di mezzi propri, l’intervento sarà tempestivo, efficiente ed efficace».

Secondo Francesco Pastanella, un passato da militare, presidente di AMA Cuore, “il volontariato deve contribuire a formare alla prevenzione primaria e secondaria delle malattie coronariche, aiutando ad adottare stili di vita appropriati per ridurre i fattori di rischio cardiovascolare e fornire gli elementi  per un idoneo supporto psicologico che trasformi l’impatto con la malattia in una risorsa”.

SAVE THE HEART vuole insegnare a giocare d’anticipo con uno schema di gioco che prevede una difesa solida che agisca per la prevenzione, una linea di mediani che sappia riconoscere la gravità del dolore toracico e un attacco che sappia garantire cure tempestive ed efficaci.

Per saperne di più scarica la brochure dal sito: http://runningheartbari.it/savetheheart/

Supervisione scientifica: Antonella Mannarini – Massimo Grimaldi

Segreteria organizzativa MEETING PLANNER

Redazione Corriere Nazionale

Redazione Corriere di Puglia e Lucania

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.