Principale Estero Termosifoni, trasporti, smart working: le regole dell’Ue per fare a meno del...

Termosifoni, trasporti, smart working: le regole dell’Ue per fare a meno del gas russo

Le raccomandazioni messe a punto dall’Agenzia internazionale per l’energia e dalla Commissione europea rivolte ai cittadini europei vanno dallo smart working alla riduzione del riscaldamento, alla scelta del treno al posto dell’aereo, e all’uso della bicicletta per tragitti brevi.

© Valeria Mongelli / Hans Lucas / Afp
– Una bicicletta davanti alla sede della Commissione Europea

AGI – Ridurre il riscaldamento (o l’aria condizionata); lavorara da casa; percorrere a piedi o in bici i tragitti brevi; usare l’auto il meno possibile e ridurre la velocità e scegliere il treno invece dell’aereo.

Sono alcuni dei suggerimenti messi a punto dall’Agenzia internazionale per l’energia e la Commissione europea per i cittadini per ridurre il proprio consumo di energia e risparmiare denaro.

Ma non solo: i pochi passi farebbero risparmiare abbastanza petrolio per riempire 120 super petroliere e abbastanza gas naturale per riscaldare quasi 20 milioni di case se adottato da tutti i cittadini dell’Unione.

Ma alla base l’intento è “aiutare l’Ucraina riducendo la dipendenza dell’Ue dai combustibili russi, e anche per ridurre le emissioni di gas serra”.

“Cittadini in tutta Europa hanno aiutato l’Ucraina facendo donazioni o aiutando direttamente i rifugiati e molti vorrebbero fare di più. La maggior parte delle famiglie sta ricevendo bollette energetiche più elevate a causa della crisi energetica, esacerbata dalla guerra. Usare meno energia non è solo un modo immediato per i cittadini dell’Ue di ridurre le bollette, ma aiuta anche l’Ucraina riducendo la necessità di petrolio e gas russi, contribuendo così a ridurre i flussi di entrate che finanziano l’invasione“, si legge in una dichiazione congiunta della Commissione europea e dell’Agenzia internazionale per l’energia.

Seguendo tutte le raccomandazioni del piano, il nucleo familiare tipico dell’Ue potrebbe risparmiare, in media, circa 500 euro all’anno, anche se gli importi variano a seconda delle dimensioni del nucleo familiare, dell’ubicazione e dell’accesso ai trasporti pubblici.

Se tutti i cittadini dell’Ue seguissero le raccomandazioni a casa e sul posto di lavoro, si risparmierebbero 220 milioni di barili di petrolio all’anno e circa 17 miliardi di metri cubi di gas naturale.

Per convincere i cittadini, la Commissione europea porta diversi esempi: la temperatura media di riscaldamento all’interno delle case dell’Ue è superiore a 22 C, ma molte potrebbero stare comodamente a 19 C o 20 C.

Abbassare il termostato di casa di appena un grado fa risparmiare circa il 7% dell’energia utilizzata per il riscaldamento.

“Per ogni grado in cui abbassi il riscaldamento in media, potresti tagliare piu’ di 70 euro dalla bolletta energetica annuale”, sostiene Bruxelles.

“Così come impostare il tuo condizionatore d’aria a un grado più caldo potrebbe ridurre la quantità di elettricità utilizzata di quasi il 10% e farti risparmiare 20 euro all’anno”, aggiunge.

Altri esempi: in molte case e luoghi di lavoro, le impostazioni predefinite delle caldaie possono spesso essere regolate per aumentare l’efficienza e risparmiare fino all’8% dell’energia utilizzata per riscaldare ambienti e acqua se si dispone di una caldaia a condensazione. Una corretta installazione della caldaia potrebbe far risparmiare circa 100 euro all’anno.

E ancora: lasciare l’auto a casa per i brevi tragitti, soprattutto se si tratta di un’auto di grandi dimensioni, consente di risparmiare una notevole quantità di carburante. In media, circa un terzo dei viaggi in auto nell’Unione europea è inferiore a 3 chilometri.

“Utilizzando altri mezzi di trasporto, aiuterai a ridurre l’inquinamento atmosferico e la congestione nella tua zona e potenzialmente a migliorare la tua salute”.

La maggior parte dei viaggi in auto nell’Unione europea viene fatta con un solo occupante.

“Condividere i tuoi viaggi in auto con vicini, amici o colleghi fa risparmiare carburante e denaro. “Anche l’impostazione dell’aria condizionata della tua auto a 3 C più calda migliorerà immediatamente il risparmio di carburante dell’auto. Queste azioni combinate potrebbero far risparmiare alla tua famiglia circa 100 euro l’anno”.

Guidare troppo veloce è inefficiente per il motore dell’auto e spreca carburante. L’auto media nell’Unione europea percorre circa 13 mila chilometri all’anno.

Riducendo di 10 chilometri all’ora la velocità di crociera media in autostrada, è possibile ridurre la fattura del carburante di circa 60 euro l’anno.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.