Principale Politica Diritti & Lavoro ZES, Regione in pressing sul governo

ZES, Regione in pressing sul governo

ZES, Regione in pressing sul governo

A breve nuovi incontri con il ministro per il Sud, Mara Carfagna.

Le disposizioni contenute nel decreto legge dello scorso 12 aprile relative alle Zone Economiche Speciali (ZES), promosse dalla ministra per il Sud e la Coesione territoriale, Mara Carfagna, ci rassicurano perché accolgono, sebbene in parte, le nostre richieste presentate sia in sede istituzionale sia in occasione del nostro incontro a Expo Dubai. Prevedere la possibilità per le Regioni di aggiornare e rivedere le perimetrazioni delle aree ZES sulla base dell’effettivo interesse da parte di potenziali investitori è una necessità impellente perché, dal 2019 ad oggi, non solo è mutato lo scenario di contesto ma, soprattutto, sono state poste all’attenzione dei Comitati di Indirizzo e ora anche dei Commissari Straordinari, interessanti proposte di nuovi insediamenti produttivi da localizzare in aree attualmente non inserite o solo parzialmente inserite in perimetrazione ZES”. E’ quanto afferma oggi l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Alessandro Delli Noci.

“Dunque, in un momento complesso in cui è fondamentale garantire opportunità di sviluppo dei territori, sarebbe auspicabile prevedere che, attraverso procedure snelle e semplificate, possano essere inserite in perimetrazione aree in possesso di adeguate infrastrutture – viabilità, connessione con porti e aeroporti e le principali piattaforme logistiche, sottoservizi – o immediatamente infrastrutturabili su cui vi sia l’effettivo e concreto interesse di soggetti a realizzare nuovi significativi insediamenti produttivi. La nostra preoccupazione oggi riguarda i tempi che non possiamo permetterci diventino troppo lunghi. Per questa ragione, questa settimana e la prossima incontreremo la Ministra per definire insieme a lei la strada migliore e la più celere” conclude l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Alessandro Delli Noci.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.