Principale Cultura & Società Eventi & Spettacoli Mysterium Festival chiude con un concerto al duomo

Mysterium Festival chiude con un concerto al duomo

Mysterium Festival chiude con un concerto al duomo

A Pasqua la Sinfonia N. 9 di Beethoven e la consegna del Premio Mysterium Festival a Gianluca Bilancioni.

Oggi, domenica 17 aprile alle 20.00, nel duomo San Cataldo Concerto di Pasqua chiusura del Mysterium Festival con l’esecuzione della Sinfonia N. 9 di Beethoven. A margine dell’evento, molto atteso, l’assegnazione del “Premio Mysterium Festival” sul quale il Comitato scientifico si pronuncerà a breve.

Ingresso libero su prenotazione (ufficio Orchestra Magna Grecia, oppure sito eventbrite), obbligatori green pass e mascherina Ffp2. La produzione informa, inoltre, che sabato 16 marzo, giorno prima del Concerto di Pasqua, dalle 18.30 il pubblico potrà assistere alle prove della Sinfonia N. 9 di Beethoven che si svolgeranno nello stesso duomo di San Cataldo.

L’Orchestra della Magna Grecia sarà diretta dal Maestro Pasquale Veleno, con L.A. Chorus e Coro dell’AccademiaClaudia Urru (soprano), Sara Allegretta (mezzosoprano), Riccardo Della Sciucca (tenore), Guido Dazzini (baritono), Mariantonietta Saccomanni (maestro sostituto). Maestri del coro, lo stesso Veleno e Carmen Fornaro.

Monumento della musica di ogni tempo, la Nona Sinfonia prese forma nell’arco della vita di Beethoven. Nota anche come Sinfonia corale, è l’ultima sinfonia dell’immenso compositore tedesco. Fu eseguita per la prima volta venerdì 7 maggio 1824 al Theater am Kärntnertor di Vienna, con il contralto Caroline Unger e il tenore Anton Haizinger. Ai primi tre movimenti puramente sinfonici ne segue un quarto che include il coro sui versi dell’ode Alla gioia di Friedrich Schiller.

È una delle opere più note ed eseguite di tutto il repertorio classico ed è considerata uno dei grandi capolavori della musica occidentale, anche in quanto simbolo universale di unità e fratellanza tra gli uomini e le donne, oltre ad essere ritenuta da molti musicologi il capolavoro di Beethoven. È stata inoltre per lungo tempo la maggiore composizione sinfonica con voci. Il tema del finale, riadattato da Herbert von Karajan, è stato adottato nel 1972 come Inno europeo. Nel 2001 spartito e testo sono stati dichiarati dall’UNESCO Memoria del mondo attribuita alla Germania.

Premio Mysterium Festival al dott. Gianluca Bilancioni, direttore del personale di Teleperformance. Il premiato riceverà il prestigioso riconoscimento, assegnatogli all’unanimità dal Comitato scientifico del Mysterium Festival, dall’arcivescovo di Taranto Monsignor Filippo Santoro. La consegna avverrà prima del Concerto di Pasqua.

Gianluca Bilancioni, direttore del personale di Teleperformance

 

Le motivazioni che hanno spinto il Comitato a esprimersi a favore di Bilancioni, sono da ricercare nell’impegno che il responsabile del personale di Teleperformance ha intensamente profuso nella promozione di una Taranto che lui stesso ha voluto e saputo profondamente amare.

Essenziali per la scelta del premiato, «le visioni, dalle quali sono nate azioni mirate a porre l’individuo al centro della sfera di interessi collettiva; l’attenzione rivolta al mondo delle diversità, delle minoranze, al contrasto della violenza contro le donne; l’illuminata professionalità, in grado di determinare un cambiamento epocale nella politica aziendale e del territorio, creando posti di lavoro e nuove fonti di economia».

Fondamentale il ruolo assunto per l’introduzione di un concetto rivoluzionario nel riformare la politica del welfare aziendale, estesa dal benessere del collaboratore sino alla sua famiglia, ai suoi figli, alle loro diverse esigenze di vita, al supporto psicologico gratuito; politiche che hanno portato Teleperformance Italia ad essere tra le sessanta aziende selezionate nella classifica Bestworkplaces fino a vincere il “Great Place to work” nell’anno in corso.

«Radicale – si legge nella motivazione – anche l’impegno profuso verso il sociale in tempi di crisi da diffusione della pandemia da Covid Sars 19, con gli interventi solidali nei confronti della Caritas, con borse di studio per l’assunzione di medici o dedicate a ragazzi stranieri meritevoli di aiuto e al sostegno di alcune Associazioni di volontariato per assistere i bambini in cura presso i reparti pediatrici di terapia oncologica in Ucraina».

Con il conferimento del Premio Mysterium Festival il Comitato scientifico ha, inoltre, inteso manifestare profonda gratitudine nei confronti del dott. Gianluca Bilancioni nel credere in un futuro più sostenibile per Taranto e la sua storia.

Questo il Comitato scientifico del Mysterium Festival: dott. Donato Fusillo, presidente; prof.ssa Adriana Chirico; Maestro Piero Romano (Orchestra della Magna Grecia); dott.ssa Eva Degl’Innocenti (MArTA), Maestro Pierfranco Semeraro (ARCoPU), don Emanuele Ferro (portavoce Arcidiocesi, parroco della Cattedrale di San Cataldo), prof. Riccardo Pagano (Dipartimento Jonico – Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, sede di Taranto).

La direzione artistica del Mysterium Festival è del Maestro Pierfranco Semeraro. La rassegna di eventi di fede, arte, storia, tradizione e cultura è promossa dall’Arcidiocesi di Taranto, insieme con l’Orchestra della Magna Grecia, il L.A. Chorus, il Comune di Taranto, la Regione Puglia, il Ministero della Cultura e Le Corti di Taras, con la collaborazione con “Fondazione Puglia”, “Programma Sviluppo”, “BCC San Marzano di San Giuseppe”, “Comes”, “Chemipul”, “Fondazione Taranto e la Magna Grecia”. Ingresso libero su prenotazione: Orchestra della Magna Grecia, via Giovinazzi 28 (392.9199935), oppure online sul sito web eventbrite (www.eventbrite.it)

Foto di copertina: Aurelio Castellaneta/Orchestra Magna Grecia

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

Radici 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.