Principale Economia & Finanza Con il lockdown di Shanghai si è bloccato il trasporto di container...

Con il lockdown di Shanghai si è bloccato il trasporto di container e tir

Le misure di contenimento della pandemia hanno messo fuori servizio il 90% dei camion. Le sfide logistiche per il trasporto marittimo e aereo “sono estreme”.

© XINHUA / Xinhua via AFP
– Porto di Shanghai

AGI – Il reindirizzamento delle merci per evitare il prolungato lockdown a Shanghai, con i casi giornalieri confermati di Covid hanno superato il record di 26.000, sta diventando più difficile e costoso poichè le strutture cargo in altre città cinesi sono ormai sovraffollate. E’ l’allerta lanciata dalle società di logistica e le compagnie aeree. In questo contesto, le sfide logistiche per il trasporto marittimo e aereo di Shanghai “sono estreme”.

Oltre il 90% dei camion è fuori servizio. Ai tir è vietato entrare e uscire dalla città senza un permesso speciale, valido solo per 24 ore e solo su percorsi specifici. “Anche con questa organizzazione è possibile che i camion prenotati vengano requisiti dal governo per trasportare forniture di aiuti”, ha affermato Seko Logistics in un aggiornamento per i clienti.

La maggior parte dei magazzini della città è chiusa. Pactl, il grande operatore di terminal cargo aeroportuali, effettua solo sporadiche operazioni. Anche lo spedizioniere globale AIT Worldwide Logistics lamenta disagi e conferma il blocco dei container e dei camion a Guangzhou e Xiamen.

L’accesso limitato dei camion ai terminal portuali di Shanghai sta causando l‘accumulo di container e il rallentamento dei trasferimenti delle navi. Seko ha affermato che il suo team a Shanghai ha assistito a una diminuzione dell’80% dei ritiri di container dall’esterno dell’area di blocco a causa della carenza e delle restrizioni per i conducenti, che devono sottoporsi a tampone e avere dei pass speciali.

La Mediterranean Shipping Co., il più grande operatore di navi portacontainer al mondo, ha dichiarato qualche giorno fa che inizierà a scaricare container refrigerati in altri porti perchè non ci sono prese di corrente disponibili a cui collegarsi a Shanghai. A meno che i clienti non richiedano uno specifico cambio di destinazione entro una settimana, i reefer verranno scaricati in porti intermedi o alternativi a scelta del vettore. Inoltre, potrebbero essere applicati costi di trasporto aggiuntivi per il trasbordo, lo stoccaggio, il noleggio dell’attrezzatura e il collegamento elettrico.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.