Principale Ambiente & Salute Agroalimentare & Enogastronomia Turismo: presentato il cammino enogastronomico tarantino

Turismo: presentato il cammino enogastronomico tarantino

Turismo: presentato il cammino enogastronomico tarantino

Chiarelli (Camera di Commercio): «Un format improntato alla valorizzazione delle nostre migliori caratteristiche».

Si è svolto questa mattina a Roma “AttivAzioni per il turismo che cambia”, evento di presentazione del progetto “Azioni di valorizzazione e promozione del settore turistico dei territori e delle produzioni di qualità”. Frutto della collaborazione istituzionale tra il Ministero del Turismo e Unioncamere, e supportato sotto il profilo tecnico scientifico da ISNART in collaborazione con Destination Makers, AttivAzioni, cui partecipa anche la Camera di commercio di Taranto, ha lo scopo di connettere i territori, le comunità produttive e le destinazioni del nostro Paese con i mercati interni ed esteri, mettendo al centro e dando valore all’offerta di un turismo italiano nuovo.

«Fra i diversi modelli d’intervento presentati questa mattina c’è anche quello del cammino enogastronomico del territorio tarantino, modello al quale abbiamo lavorato con Isnart in questi mesi per progettare una nuova offerta turistica ispirata alla sostenibilità e destinata certamente al turista internazionale, ma senza trascurare l’importanza del mercato interno soprattutto nel corso di questa prolungata crisi – ha commentato il Commissario Straordinario, on. Gianfranco Chiarelli.

Le linee guida del cammino enogastronomico tarantino, rappresentano un format da implementare e, auspicabilmente, replicare. «Con gli esperti, abbiamo mappato le opportunità e definito il posizionamento del nostro territorio, individuando i target e l’offerta da sviluppare in un’ottica “gastrofisica” per  la quale il cibo è il comune denominatore da fruire secondo varie declinazione esperienziali che valorizzino contestualmente i luoghi – conclude Chiarelli. Ora la sfida che non temiamo di affrontare è quella di superare i possibili ostacoli e provare a colmare i molti gap che caratterizzano la nostra provincia, mettendo insieme gli stakeholder per lavorare concretamente sull’attuazione delle linee guida».

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.