Principale Arte, Cultura & Società Musica, Eventi & Spettacoli Fusco: reading di Angelo Mellone su ‘Questo solo ti posso dare’

Fusco: reading di Angelo Mellone su ‘Questo solo ti posso dare’

Fusco: reading di Angelo Mellone su ‘Questo solo ti posso dare’

Dopo otto anni dall’ultimo capitolo della cosiddetta “trilogia meridionale”, Angelo Mellone torna con un reading che, dopo Addio al Sud , Acciaiomare e Meridione a rotaia , costituisce un completamento della sua meditazione poetica sul Mezzogiorno. Reading letterario tratto dal libro Questo solo ti posso dare (Pequod, 2022). Le parole e la voce sono di Angelo Mellone. Le note sono di Salvatore Russo. Le immagini sono di Giuseppe Carucci. L’appuntamento è stato oggi al teatro Fusco, alle ore 20.00.

Nel caso di questo monologo, le radici di uno spatriato diventano prologo a una domanda chelacera l’animo dell’autore: quando non ci sarò più, cosa resterà di me? Cosa posso fare per non essere dimenticato come un soffio di polvere?

La domanda assume subito il volto della sfida perché non viene lanciata nel vuoto ma rivolta direttamente ai tre figli dell’Autore. Idealmente, Mellone li incontra a ottobre
sul muretto di un lungomare, fra i pochi abitantia utunnali di Castellaneta Marina, uno dei suoi luoghi del cuore. Si siedono tutti a guardare il mare, a mangiare qualcosa, osservando ciò che li circonda, fissando il mare e i contorni della città industriale che sta loro a Oriente, la città dove l’Autore è nato e giovanissimo ha seppellito il padre, uno dei primi tarantini a essere assunto per costruire il grande stabilimento siderurgico.

Con Marianna, Jacopo ed Elena Mellone intesse dialogo, e a ciascuno di loro trasmette ricordi, paure, ansie, confidenze, in una coraggiosa presa d’atto di debolezza, un mettersi a nudo di padre eternamente alle prese con un senso di inadeguatezza che però non impedisce a Mellone di recuperare il tono violento e lirico delle sue precedenti orazioni civili, come quando fustiga i meridionali ossessionati dalla vita metropolitana o quando rivendica la sua militanza giovanile “a destra” per il gusto di fare scandalo e diventare uomo a modo suo.

Ma è soprattutto il tema della fragilità e, in fondo, la paura di scomparire anche agli occhi dei figli – a cui Mellone si sforza di raccontare l’anima del Meridione, proprio a loro
nati altrove – che anima questa scrittura, questa recitazione, questo viaggio ossessivo in decine e decine di luoghi, dove le parole di Mellone si mescolano con le note del
grande chitarrista Salvatore Russo e le immagini confezionate a mo’ di racconto dal ​regista Giuseppe Carucci, il duo con cui Mellone si sistema sul palco per accompagnare in poco più di cinquanta minuti il pubblico dentro un viaggio che intreccia polemicamente, poeticamente e con un grande senso di malinconia il Sud, le appartenenze, le scordanze, la paternità, la perdita, l’eredità, la tradizione e, in fondo, la morte e l’amore.

«La voce poematica di Angelo Mellone è ormai una voce riconoscibile, direi unica nel panorama poetico italiano.» Andrea Di Consoli

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.