Principale Ambiente & Salute Come i terremoti danneggiano la crosta terrestre

Come i terremoti danneggiano la crosta terrestre

Cosa emerge da uno studio dell’Università della California Davis e dell’Università di Harvard, che hanno pubblicato un articolo sulla rivista Nature Geoscience per descrivere i risultati del loro lavoro.

Terremoto Nuova Zelanda

AGI – Analizzare le zone colpite da violenti terremoti potrebbe fornire importanti indicazioni sul modo in cui questi eventi possono danneggiare la crosta terrestre. Lo hanno evidenziato i ricercatori dell’Università della California Davis e dell’Università di Harvard, che hanno pubblicato un articolo sulla rivista Nature Geoscience per descrivere i risultati del loro lavoro.

Nel luglio 2019, spiegano gli autori, una serie di terremoti ha colpito la zona di Ridgecrest, in California, tra Los Angeles e Las Vegas. Si sono verificate anche due scosse di magnitudo 6,4 e 7,1 a distanza di un giorno.

I sismologi hanno analizzato le conseguenze dei terremoti sulla crosta terrestre, cercando di carpire informazioni utili per l’elaborazione di modelli computerizzati. La zona sismica, che appartiene a una rete di faglie della California orientale, è arida e scarsamente popolata, ma è anche ben documentata dalle immagini satellitari.

Il team, guidato da Alba Rodrìguez Padilla, ha mappato la rottura della superficie grazie alle immagini aeree raccolte da studi precedenti e dalle immagini LIDAR, che permettono di determinare la distanza di un oggetto con un impulso laser. I ricercatori hanno confrontato le informazioni ottenute con altri set di dati, per esplorare la distribuzione dei danni alle rocce.

Stando a quanto emerge dall’indagine, la faglia di Ridgecrest ha subito una deformazione anelastica, per cui non è tornata alla sua configurazione originale.

La deformazione era più elevata entro 100 metri dalla faglia, ma sono stati rilevati dei danni di bassa intensità anche a 20 chilometri di distanza.

Questa alterazione, commentano gli studiosi, lascia la roccia attorno alla faglia meno rigida ammorbidendo la crosta. Ciò contribuisce a dissipare l’energia dai futuri terremoti. Il lavoro, concludono gli autori, fornisce una migliore comprensione di come i danni causati dai terremoti si accumulano e potrebbero influenzare eventi futuri.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.