Principale Cronaca Matrimoni forzati e/o precoci: NO alle spose bambine

Matrimoni forzati e/o precoci: NO alle spose bambine

Era il 2015 e la Camera dei deputati approvava all’unanimità la mozione contro i matrimoni precoci e/o forzati, una pratica che ha radici lontane e nasce da una combinazione di diversi fattori: norme sociali radicate, povertà, diseguaglianza di genere e mancanza di rispetto dei diritti delle minori.
Nel mondo sono più di 700 milioni le giovani donne sposate prima dei 18 anni. Nella sola Nigeria, ad es., secondo i dati Unicef, le spose bambine sono 23 milioni. Le Nazioni Unite parlano di 70.000, vittime ogni anno di lesioni ed emorragie interne. Si tratta di bambine di 8-10 anni.
È una tragedia immane che si configura a pieno titolo, come uno stupro combinato, prima che come un matrimonio combinato.
Il fenomeno ormai globale, attraversa anche l’Europa e l’Italia, in seguito alle migrazioni.
Sono 146 i paesi dove le ragazze possono sposarsi al di sotto dei 18 anni e in ben 52 paesi possono farlo anche prima di compiere i 15 anni.
La mozione approvata nel 2015 di fatto impegnava il governo a dare attuazione alla risoluzione Onu contro i Matrimoni di minori, precoci, forzati; a sostenere a livello globale una rinnovata campagna per prevenire ed eliminare questa pratica che viola i diritti umani delle bambine, sostenere finanziariamente programmi e progetti di cooperazione internazionale per la prevenzione e l’abbandono dei matrimoni di minori, precoci e forzati.
In Italia, da tempo, attraverso progetti sul campo e attività di informazione, si lavora per fare in modo che le ragazze e le donne vedano riconosciuti i propri diritti e possano partecipare in prima persona alla vita dei paesi da cui provengono così come a quella dei paesi in cui risiedono.
Eppure anche da noi in Puglia una ragazzina di 12 anni era stata promessa al fratello del nuovo partner della madre. A far saltare i programmi, una denuncia del padre della piccola che ha interessato la Procura minorile, che, a sua volta, ha ottenuto dal tribunale la sospensione della potestà genitoriale della madre e l’allontanamento della bambina che ora è affidata ai nonni paterni.
Lo “sposo” ha 22 anni.
Era il 2015, ed oggi, nel 2022, accade ancora sotto i nostri occhi ciechi e, se non fosse intervenuto il padre, nulla e nessuno avrebbe strappato la bambina dall’orrore. Nessuna denuncia, nessuna interrogazione. Obbligata a restare chiusa in casa e controllata in ogni suo raro spostamento. Per recarsi a fare la spesa girava da tempo con un velo ed era stata ritirata dalla scuola e le erano impedite le normali frequentazioni con i suoi coetanei.
Come Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza – Regione Puglia, chiedo alle istituzioni e alle famiglie, di mantenere alta l’attenzione, affinché episodi come questi non accadano più. Le culture multietniche ormai esistono in Italia e in Puglia, e dobbiamo farcene carico, sostenendo i molti giovani di seconda e terza generazione, figli di immigrati o di genitori di culture differenti che hanno contratto matrimonio, i cosiddetti “matrimoni misti”, che vivono sulla loro pelle i contrasti dei cambiamenti sociali in Italia, con le stesse famiglie di origine, contrasti che spesso hanno esiti terribili, come purtroppo leggiamo sui giornali.
Ludovico Abbaticchio

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.