Principale Ambiente & Salute Piantumati due alberi nel giardino di ”Lorenzo” al Quartiere San Giuliano

Piantumati due alberi nel giardino di ”Lorenzo” al Quartiere San Giuliano

Giovanni Mercadante

Da sinistra: le famiglie Lanzone e Segreto

ALTAMURA La cerimonia di domenica scorsa 30 gennaio 2022 sarà ricordata come una bella giornata, piena di sole, a dispetto di un inverno secco e rigido dei giorni scorsi. I due angeli, a cui è stata dedicata la commemorazione sono   l’ing. Vincenzo Lanzone e Lorenzo Segreto, a cui la vita  ha purtroppo riservato un destino diverso; dal cielo entrambi  hanno vegliato per la buona riuscita dell’evento atteso  da tempo. 

La cerimonia è stata officiata dal parroco don Giuseppe Loviglio alla presenza di un folto pubblico;  della sindaca avv. Rosa Melodia; di alcuni Assessori (avv. Vito Menzulli e Tommaso Lorusso); dei componenti delle due  famiglie Segreto e Lanzone; del Gruppo Imprenditori Altamurani presieduto dal Presidente Giacinto Patella;  del  Comitato di Quartiere ”Parco San Giuliano” rappresentato dal Presidente Beppe Piccininni.

Il Presidente del Gruppo Imprenditori Altamurani, Giacinto Patella, molto attivo sul territorio, porta avanti progetti di solidarietà  in  favore della comunità.

Da quando è stato istituito il sodalizio, ovvero da circa 5 anni, gli alberi di Natale piazzati in Piazza Resistenza (Porta Matera) sono stati donati gratuitamente e poi piantumati altrove.

Quest’anno per  l’abetone giunto da Pistoia,  un abitante di Parco San Giuliano facente parte del Gruppo imprenditoriale ha espresso il desiderio di traslarlo nel giardino di “Lorenzo” in fase di allestimento.

E’ un’area pubblica che nel 2015  era stata destinata ad isola ecologica, non più realizzata per una battaglia combattuta contro il Comune; il luogo, densamente popolato, era in contrasto con le finalità dell’Ente pubblico. Da qui è nato il Comitato di Quartiere;  una zona completamente nuova dove sono presenti alloggi di pregio, tanto che ancora  recentemente è stata completata l’edificazione della chiesa del Carmine, di cui il giovane don Giuseppe Loviglio è  parroco.

I due alberi piantumati: l’ulivo e l’abetone

Del Gruppo Imprenditori Altamurani fanno parte 15 aziende, di cui 13 sono imprese edili. Sono tutti animati da uno spirito di solidarietà, una specie di confraternita; sono  coloro i quali supportano anche con le loro maestranze l’Associazione Fortis Murgia a cui fa capo il direttivo della manifestazione medievale FEDERICUS. L’ing. Vincenzo Lanzone, libero professionista attivo nel campo dell’edilizia, a cui è stato dedicato l’abetone è scomparso nel marzo 2021 all’età di 48 anni, lasciando e moglie tre figli. Un professionista molto apprezzato e amato nel territorio e soprattutto dalle imprese edili  del Gruppo Imprenditori

Mentre Lorenzo Segreto, scomparso all’età di 18 anni per un male incurabile, da piccolo giocava nel quartiere di San Giuliano.

Da sinistra: la sindaca Rosa Melodia; il parroco don Giuseppe Loviglio – Beppe Piccininni – Giacinto Patella

Papà Nicola, nel solco dei ricordi del suo figliuolo, ha dichiarato che “stiamo lottando da tempo per riuscire ad allestire il parco per renderlo fruibile a tutti i ragazzi  del quartiere; in questa operazione,  un mio pensiero di ringraziamento oltre al Presidente G. Patella e all’Associazione del Gruppo Imprenditori Altamurani, va  anche all’impresa locale Ecoinerti che ha messo a disposizione  un piccolo escavatore che ha eseguito i due scavi per piantumare l’abetone dedicato all’ing. Vincenzo Lanzone e l’ulivo  a mio figlio Lorenzo”; alberi   distanti pochi metri l’uno dall’altro in  segno di un abbraccio virtuale”.

Foto di gruppo con gli imprenditori

Mary Cristallo, Vice Presidente del Comitato di Quartiere,  ha aggiunto:   “ E vero che il  nostro Comitato   è nato inizialmente per combattere l’isola ecologica in un quartiere residenziale; però nel tempo abbiamo preso coscienza delle tante criticità presenti nella zona e il direttivo  si è interfacciato con l’Amministrazione comunale per renderla più vivibile per  una migliore qualità della vita. Questo polmone verde, ancora tutto da completare, è un’isola che può promuovere la socializzazione in perfetta simbiosi  con la natura e i residenti”.

Photo credit by Nino Cammisa

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.