Principale Politica Diritti & Lavoro Psykoboard, la tavola del futuro

Psykoboard, la tavola del futuro

Psykoboard è un progetto che nasce a Taranto con l’intento di valorizzare il proprio territorio e le buone pratiche ambientali, attraverso la realizzazione di uno skateboard elettrico e innovativo.

a cura di Francesca Leoci e Rosa Porro

Il CEO del progetto Christian Gentile ci parla di Psykoboard: “Il progetto ha inizio nel 2016 quando abbiamo depositato il brevetto, ma innanzitutto dalla mia passione: tutto ciò che è tavola mi ha sempre appassionato. Utilizzando la tavola originale è nata l’idea di rivoluzionarla creando uno skateboard elettrico con fibre di carbonio a lavorazione aeronautica”.

La tavola in tutte le sue forme

Il nome Psykoboard sottolinea l’intenzione di realizzare un mezzo particolare, ben studiato nei dettagli di design e funzionamento. Viene definito come multiutility in quanto può rendersi adattabile a tutti, anche grazie al controller attraverso cui comandare la tavola, ed è perfetto per qualsiasi età ed esigenza.

Svitando le ruote anteriori e posteriori la tavola può trasformarsi in wakeboard e in snowboard, ovvero in un mezzo sia per l’acqua che per la neve. Di recente lo skateboard ha visto un’ulteriore trasformazione in monopattino elettrico – il mono-skate – il quale però non può essere utilizzato su acqua o su neve per la sua struttura interna più pesante.

Dalla parte della sostenibilità

Tra gli obiettivi di Psykoboard risalta la mobilità sostenibile: il progetto non adotta l’utilizzo di carburante inquinante ma bensì di batterie a celle di litio realizzate dall’azienda Samsung. Sono due le tipologie di batterie che vengono utilizzate, veloce e ultraveloce: i tempi di ricarica di quest’ultima sono di massimo 20 minuti con una durata di 25 Km.

La particolarità di questa tavola è quella di avere una batteria estraibile (pesante meno di 1 chilo) – in modo da rendere la ricarica rapida – e una ricarica automatica nel momento della frenata attraverso il controller.

Un’idea eco-sostenibile in fase di progettazione è quella di creare una batteria a idrogeno, ma su questo ci aggiorneremo in futuro.

Psykoboard sostiene la disabilità motoria

Il team di Psykoboard decide di sostenere l’esperienza di Fabrizio Passetti, campione italiano di surf, dimostrando che nessun tipo di disabilità può essere un limite se accolto con i giusti mezzi. Fabrizio subisce un’amputazione alla gamba all’età di 18 anni dopo un grave incidente in scooter. Questo non lo ha abbattuto, e la ricerca in campo ortopedico gli ha dato una seconda possibilità per vivere la vita che desiderasse.

Il progetto Psykoboard è stata una scoperta valida oltre che divertente, una tecnologia altamente funzionale e maneggevole anche per Fabrizio che ha deciso di diventare il loro testimonial e un’ispirazione di grande forza interiore. Affermando la possibilità che questa tavola ha di agevolare la mobilità delle persone disabili, Passetti precisa: “Se io usassi lo Psykoboard nella quotidianità mi saprei destreggiare anche da un negozio all’altro senza molte fatiche”.

Un’iniziativa divertente, utile e altamente sostenibile. Una realtà locale riconosciuta a livello internazionale per la sua efficienza e per il suo design multi-funzionale; ma soprattutto un gruppo solidale con la speranza di poter trarre dalle proprie innovazioni un beneficio per tutti coloro che vivono delle disabilità motorie.

Redazione Corriere Nazionale

Redazione Corriere di Puglia e Lucania

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.