Principale Politica Elezioni a Taranto, Fratelli d’Italia: istituire tavolo permanente del centro destra

Elezioni a Taranto, Fratelli d’Italia: istituire tavolo permanente del centro destra

Fratelli d’Italia, riunitosi presso la sede provinciale di Via Anfiteatro alla presenza dei vertici regionali provinciali e cittadini del partito (Renato Perrini, Dario Iaia, Pietro Pastore, Franco Vitanza, Giampaolo Vietri, Giacinto Fallone, Matilde Percolla) dopo aver analizzato l’eccellente risultato elettorale derivante dalla vittoria delle elezioni provinciali che hanno confermato l’ulteriore consolidamento di Fratelli d’Italia primo partito in assoluto in provincia di Taranto intendono partire proprio da questa positiva esperienza politico-elettorale rimarcando che l’unità della coalizione e la presenza di candidati condivisi con programmi seri e credibili sono valori imprescindibili dai quali partire per affrontare le prossime competizioni elettorali che si terranno in primavera per il rinnovo del Consiglio comunale di Taranto”. Lo riporta una nota a firma del coordinatore, Pietro Pastore.
“A tale specifico scopo i rappresentanti del partito di Giorgia Meloni hanno conferito specifico incarico al coordinatore di Taranto avv. Pietro Pastore di inviare una nota a tutti i coordinamenti territoriali dei partiti di centro destra al fine di sollecitare la costituzione di un tavolo permanente del centro destra per Taranto rivolto ad elaborare un programma serio e credibile frutto del confronto e del coinvolgimento di tutte le forze della coalizione che insieme dovranno stabilire il perimetro e i confini entro i quali potranno delinearsi le aperture ai movimenti civici. Il conto alla rovescia è ormai iniziato: il 2022 è l’anno che consegnerà alla città di Taranto un nuovo Sindaco che dovrà essere autorevole e auspicabilmente di centro destra”, conclude la nota.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.