Principale Arte, Cultura & Società Musica, Eventi & Spettacoli Taranto – Fusco: “Peachum” per pochi abbonati

Taranto – Fusco: “Peachum” per pochi abbonati

Nuovo appuntamento della stagione teatrale del Teatro Fusco con “Peachum: un’opera da tre soldi”, spettacolo dedicato all’antieroe Peachum, il re dei mendicanti dell’Opera da Tre Soldi di Bertolt Brecht, scritto da Fausto Paravidino e interpretato da Rocco Papaleo. Prima dello spettacolo di martedì il Foyer del Teatro comunale Fusco, a partire dalle ore 18,30, ospiterà i protagonisti dello spettacolo; Rocco Papaleo, Fausto Paravidino e la compagnia incontreranno il pubblico tarantino in un’anteprima davvero unica. All’incontro potranno partecipare un massimo di 20 ospiti – tra i soli abbonati alla stagione di prosa – che saranno selezionati per ordine di arrivo della propria candidatura che dovrà essere inviata all’indirizzo amministrazione@teatrocomunalefusco.it a partire da giovedì 13 gennaio ed entro e non oltre le ore 19 di venerdì 14.

“Peachum: un’opera da tre soldi” andrà in scena il 18 gennaio alle 21:00, con apertura porte alle 20:30, e il 19 gennaio alle 18:00, apertura porte alle 17:30.

Rocco Papaleo è protagonista di questa sorta di spin-off dedicata al personaggio brechtiano di Peachum, antieroe re dei mendicanti presente nell’Opera da Tre Soldi. Un personaggio, quello interpretato da Papaleo, che è uno specchio dei nostri tempi, una figura che ancora adesso può essere considerata contemporanea, forse molto più che al tempo di Brecht perché, come scrive lo stesso autore Paravidino: “Dipende dal denaro senza neanche prendersi la briga di esserne appassionato. Non è avido. Non ambisce a governare il denaro, è governato dal denaro.” Una storia dalle premesse classiche, a un padre portano via la figlia. Il padre la rivuole. Brecht ci dice che la rivuole perché gli hanno toccato la proprietà. Non altro. Le avventure e disavventure che l’eroe dei miserabili incontrerà nello sforzo di riprendersi la figlia saranno un viaggio, un mondo fatto di miserie: la miseria dei poveri, la miseria di chi si vuole arricchire, la miseria di chi ha paura di diventare povero. Una vera e propria epopea al rovescio che segna la prima collaborazione teatrale tra Rocco Papaleo e Fausto Paravidino.

Queste le parole del direttore del Teatro comunale Fusco Michelangelo Busco: “L’approfondimento del personaggio di Brecht operata da Paravidino è un’operazione di grande spessore che avvicina il teatro dei grandi al teatro contemporaneo, unione che permette di far conoscere al grande pubblico la storia del teatro moderno attraverso il talento degli artisti attuali del settore. Tutto questo ci porta ad essere orgogliosi di ospitare tale opera sul palco del Fusco, senza considerare poi la presenza di Rocco Papaleo come protagonista, un attore che non ha bisogno di presentazioni.”

Il costo dei biglietti è di 30 euro per la platea e 25 euro per la galleria, con i ridotti che passano rispettivamente a 25 euro per platea e 20 per la tribuna. Il biglietto ridotto verrà concesso esclusivamente ai giovani fino a 30 anni, alle persone di oltre 65 anni, ai dipendenti militari e civili dell’Esercito Italiano Puglia e delle Capitanerie di Porto – Puglia, Aeronautica/Marina Militare.

Gli studenti delle scuole avranno diritto ad abbonamento o biglietto ridotto esclusivamente per il Turno B.

Il botteghino del Teatro Fusco sarà aperto dal martedì al venerdì dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 16 alle 19.

Per info contattare il Teatro Fusco al numero 099. 9949349 e consultare il sito www.teatropubblicopugliese.it/taranto.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.