Principale Ambiente & Salute Taranto – Di Lena chiede all’Asl procedure Covid per emodializzati

Taranto – Di Lena chiede all’Asl procedure Covid per emodializzati

Il consigliere dell’unione dei comuni Angelo di Lena invia una missiva al vertici della asl tarantina per attuare urgentemente le procedure anticovid per gli emodializzati presso il centro S.S.Medici di Taranto .

In data odierna il Consigliere Angelo Di Lena come membro dell’Unione dei comuni del versante orientale della Provincia di Taranto ha ricevuto una pec da parte dell’Associazione nazionale emodializzati riguardo una richiesta di attuazione procedure antiCovid per emodializzati presso il centro dialisi Nephrocare “S.S. Medici” di Taranto.

Nello specifico a seguito di segnalazioni da parte dei pazienti emodializzati, del centro dialisi Nephrocare “S.S. Medici” di Taranto, l’Aned( Associazione nazionale emodializzati) nelle persone del Segretario regionale Antonio Giacovelli e Vice Segretario Francois Lemma sono venuti a conoscenza di una serie di problematiche legate alla prevenzione del contagio COVID per chi deve sottoporsi al trattamento dialitico.

I pazienti denunciano una carenza di procedure antiCovid all’interno della struttura, quali l’uso di mascherine FFP2, per pazienti e personale, durante il trattamento, l’uso di tamponi con regolare cadenza temporale ravvicinata, trasporto individuale dalla residenza al centro dialisi e ritorno, isolamento di pazienti a rischio positività, tempi ridotti per effettuare il tampone molecolare Asl dopo il caso di un paziente positivo con cui sono stati a contatto, ecc.

Inoltre i pazienti vorrebbero essere rassicurati dalla Asl, sul percorso assistenziale pubblico riservato loro, nel caso di eventuale contagio. 

L’alto rischio di complicanze nei pazienti emodializzati e il ritmo eccezionale dei contagi viene vissuto dai pazienti dializzati con uno stato di ansia permanente e frustrazione nel riscontrare un’organizzazione inefficiente per prevenire contagi e focolai.

Mi sono attivato urgentemente per inviare una nota di sollecito al Direttore generale della ASL di Taranto Dr.Vito Gregorio Colacicco , al direttore del reparto nefrologia e dialisi prof Morrone , e al direttore area sanità regione Puglia Dr.Carbone per dare seguito al grido d’allarme dei dializzati e dell’Aned affinché vengano attivate tutte le necessarie procedure organizzative finalizzate all’individuazione di strutture per dializzare pazienti positivi e che si dispongano norme di prevenzione, precoci ed efficaci, del contagio, da adoperare in tutti i centri dialisi presenti nel territorio Asl Taranto”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.