Principale Arte, Cultura & Società Sport & Motori I piloti che hanno distrutto più auto in Formula 1

I piloti che hanno distrutto più auto in Formula 1

Una classifica che nessuno vorrebbe mai guidare: quella dei piloti che hanno causato più danni alle rispettive scuderie a causa degli incidenti nell’ultima stagione
Dppi / IPA

Max Verstappen ha vinto il Mondiale di Formula 1, la Mercedes il titolo costruttori. Ma c’è anche un’altra classifica da considerare, che nessun pilota vorrebbe mai conquistare: quella dei distruttori. And the winner is… Mick Schumacher, appena promosso a terzo pilota Ferrari per la prossima stagione.

Oltre quattro milioni di danni

4.212.500 euro: a tanto ammontano i danni causati da Mick Schumacher alla scuderia Haas nel corso dell’ultima stagione, secondo uno studio fatto in Germania da chi ha provato, analizzando i vari incidenti, a quantificare la spesa sostenuta dal team per riparare le vetture incidentate.

E il conto è decisamente salato! Perché le macchine di Formula 1 sono dei gioielli di tecnologia con prezzi non propriamente da carrozziere di fiducia: distruggere un’ala anteriore costa 80-85 mila euro, sbattere e rompere le sospensioni 100 mila, con le scuderie che di volta in volta valutano il danno per capire se possono recuperare qualche elemento da riutilizzare.

La cosa peggiore è dover sostituire l’intero telaio: dopo il big crash di Bottas a Imola, la Mercedes dovette rinunciare a una sessione di test per risparmiare, e spesso le scuderie accantonano un tesoretto destinato proprio alle spese extra causate dagli incidenti.

Mick Schumacher Formula 1 Grand Prix of Monaco
La Haas di Schumacher portata ai box dopo l’incidente a Montecarlo HOCH ZWEI / IPA

Leclerc secondo in classifica

Dietro Mick Schumacher c’è un nome noto, quello di Charles Leclerc, che alla Ferrari è costato 4 milioni di euro (per la precisione 4.046.000 euro): al monegasco sono costati cari i contatti ravvicinati con i muri di Baku e Montecarlo, il suo gran premio di casa: sulle strade del Principato il monegasco conquistò la pole e poi andò a sbattere, provocando danni talmente ingenti da costringerlo a rinunciare alla gara del giorno dopo. Ecco perché i circuiti cittadini piacciono molto agli spettatori per lo spettacolo che offrono, un po’ meno a chi fa di conto nelle sedi delle varie scuderie, costretti a tenere incrociate le dita per tutto il weekend mentre i loro piloti sfiorano a pochi centimetri muri e barriere. Leclerc ha nettamente battuto il compagno di squadra Carlos Sainz, soltanto undicesimo con un milione e 700 mila euro di danni all’altra Ferrari.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci