Principale Cultura & Società Parte a Lecce la sperimentazione di Scuola Studente-Centrica

Parte a Lecce la sperimentazione di Scuola Studente-Centrica

Presentata in anteprima al TEDx Spoleto Scelta la classe 1°A dell’Istituto “Galilei-Costa-Scarambone” per introdurre la “Scala DAIE” e “S-I-CRESCE” che mettono al centro della didattica ogni singolo studente

È partita ad inizio anno scolastico in una classe di 1° superiore dell’Istituto “Galilei-Costa-Scarambone” di Lecce la sperimentazione di “Scuola Studente-Centrica”, un innovativo progetto didattico che vede al centro del percorso educativo ogni singola studentessa e ogni singolo studente, con le proprie passioni, talenti e aspirazioni. Avrà la durata di tre anni scolastici, ma i risultati saranno monitorati costantemente. La classe scelta per la sperimentazione è la 1°A AFM della sede “Costa” che comprende 8 alunne e 9 alunni di 14 anni. A dare il via alla sperimentazione è stato il Consiglio di Classe, composto da 12 docenti e la Dirigente Addolorata Mazzotta.

 

In sintesi, la sperimentazione consiste nell’introduzione di due nuove e originali tecniche che mirano, da un lato, al miglioramento individuale di ogni studente in ogni disciplina e, dall’altro, all’individuazione di passioni e talenti personali e successiva crescita in tali ambiti. L’obiettivo finale è quello di offrire agli alunni una scuola attenta ai bisogni e ai sogni di ciascuno, fornendo anche la possibilità di acquisire competenze trasversali e percorsi utili ad un più consapevole e approfondito orientamento.

La prima tecnica sperimentale introdotta prende il nome di Scala DAIE e consiste nell’applicazione di strumenti e metodi per far crescere ogni singolo alunno in una scala di stati contraddistinti dalle lettere “D” (demotivato), “A” (attento), “I” (interessato) e, infine, “E” (esperto). Ad esempio, se ad inizio anno ci sono 3 alunni che si dichiarano (o risultano) nello stato di “Demotivato” in una qualsiasi materia, il docente interessato concentrerà parte della sua attenzione a far sì che possano crescere e passare nello stato di “Attento”. Lo stesso vale per chi è nello stato di “Attento”, si cercherà di renderlo “Interessato”. La novità è lo stato di “Esperto”, ossia anche chi è già particolarmente bravo in una determinata disciplina sarà spronato e aiutato a correre più veloce e più in là, non avrà bisogno di lezioni particolareggiate ma semplicemente di indicazioni sui percorsi da intraprendere e piccoli aiuti per superare eventuali intoppi.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.