Principale Ambiente & Salute Lorlatinib, la nuova cura contro i tumori polmonari

Lorlatinib, la nuova cura contro i tumori polmonari

A disposizione un nuovo medicinale di alta efficacia nella lotta al cancro nei polmoni. Definito “di terza generazione”, Lorlatinib aiuterà i pazienti non guariti con i trattamenti di base e sarà tra i rimborsabili SSN

L’arte medica, che scienza non è ma che su 16 e più scienze si fonda (tra tutte Anatomia, Biologia, Citologia, Famacologia, Statistica ecc.), avanza di continuo sperimentando elementi, esaminando i risultati delle prove e comprovando in essi la certezza matematica a posteriori per poi, successivamente, certificare le stesse evidenze. Un traguardo tagliato in questi giorni in tal senso è Lorlatinib, il nuovo farmaco per la cura contro i tumori polmonari.

Lorlatinib: cos’è, come funziona e per chi

Lorlatinib funzionerebbe come inibitore della Tirosin Chinasi (TKI) e agirebbe ai livelli della corteccia cerebrale, “bucando” la barriera ematoencefalica. Etichettato come farmaco di “terza generazione” nella lotta al cancro nei polmoni, in contrapposizione ai trattamenti di prima e di seconda utilizzati sinora, si è rivelato recentemente molto promettente. In particolare Lorlatinib sarebbe indicato prettamente su pazienti in età adulta con una specifica tipologia di tumore polmonare – quello “non a piccole cellule ALK positivo in stadio avanzato” (cfr. ANSA Salute&Benessere del 29 novembre 2021) – e, per facilitare la cura di tali pazienti che hanno già tentato i “rimedi di prima linea” senza ottenere risultati gratificanti, si è stabilito di farlo approvare come trattamento rimborsabile dal SSN (Servizio Sanitario Nazionale).

Parola agli esperti: le dichiarazioni di Novello, ordinario in Oncologia Medica a Torino

Il mondo scientifico accoglie con soddisfazione l’arrivo di Lorlatinib. Tra le voci più autorevoli spicca la Dott.ssa Silvia Novello, professore ordinario di Oncologia Medica all’Università di Torino nonché presidente di Walce Onlus, che ha così commentato il risultato medico-scientifico raggiunto: «Negli ultimi venti anni tante sono le acquisizioni scientifiche e i progressi della ricerca nella diagnostica e nella terapia del tumore polmonare non a piccole cellule con l’identificazione di nuovi target d’azione e farmaci specifici. Nonostante questo c’è ancora un forte bisogno di soluzioni, soprattutto per affrontare in modo efficace la malattia al momento della progressione ed in particolare quando questa interessi il comparto cerebrale».

YouTube player

La sfida contro i tumori polmonari ha un’arma in più

Il cancro nei polmoni è oggi una delle piaghe più frequenti in Italia: la neoplasia, causa del maggior numero di morti se paragonato a qualunque altra tipologia tumorale, è al terzo posto tra quelle che colpiscono i soggetti maschili e al secondo per i femminili. Ma, grazie ai ricercatori scientifici, in questi ultimi anni sono state individuate molte delle sempre più numerose alterazioni che indurrebbero la malattia a livello molecolare e che potrebbero configurarsi come obiettivi terapeutici. Pare che Lorlatinib, agendo a livello del cervello, potrà essere un’arma importante per porre rimedio alle suddette pericolose mutazioni.

Antonio Quarta

Redazione Corriere di Puglia e Lucania

Il Corriere Nazionale

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.