Home Cronaca Le cause della fuga dei medici dai pronto soccorso di Milano

Le cause della fuga dei medici dai pronto soccorso di Milano

 Nel capoluogo lombardo dove l’ondata pandemica aveva messo a dura prova le forze fisiche e psichiche del personale sanitario l’organico dei medici nei pronto soccorso ospedalieri è tutt’ora carente

© Claudia Greco / AGF
– Ospedale Niguarda di Milano

La fuga dei medici dal pronto soccorso c’è, è un dato di fatto. A Milano, dove l’ondata pandemica aveva messo a dura prova le forze fisiche e psichiche del personale sanitario, l’organico è tutt’ora carente.

A raccontare all’AGI le dinamiche interne agli ospedali in prima linea in città, un medico d’urgenza che preferisce l’anonimato.

“La situazione è critica un po’ ovunque” per esempio, “al pronto soccorso del San Carlo sono andati via in 9, e solo 2 sono stati sostituiti” e “in Humanitas ne hanno persi 4 che sono entrati in specialità” ci racconta.

Proprio da una cinquantina di medici del San Carlo, lo ricordiamo, un anno fa partì una lettera-denuncia per la direzione sanitaria, nella quale si lamentavano risorse scarse e personale insufficiente a gestire i casi di covid che allora toccavano il picco. Oggi la situazione, in generale, continua a essere preoccupante.

“C’è una carenza incredibile di medici del pronto soccorso”, tanto che gli ospedali se li contendono. Di solito i turni in ps sono 3: mattino e pomeriggio, di circa 7 ore e 30, e la notte di 12 ore. Due i medici per turno, e durante la giornata qualcun altro che da una mano nella fascia centrale.

“Il che significa che ci si può trovare in due con un collega, a gestire 70 persone” che hanno bisogno di cure.

Alcuni pronto soccorso (accadeva anche, anni fa, all’istituto ortopedico Gaetano Pini), non hanno il radiologo alla sera, il turno finisce alle 18:30. E bisogna tornare il giorno dopo per il referto. E così via.

Un impegno importante quello richiesto ai medici d’urgenza che non viene ‘considerato’ in busta paga. “Lo stipendio per i dirigenti medici non va oltre i 2.800-3000 euro al mese. Mentre quello dei ‘consulenti medici’ che sono a contratto con la partita Iva, prevede un minimo di 22 euro lordi all’ora”, fino a 33 euro all’ora (dipende dall’ospedale) per un totale di 34 ore alla settimana. Se si sforano?

“Non vengono pagate, il budget è quello e non è previsto straordinario. Lo stesso discorso vale per i dirigenti medici”.

Da dire poi che su quei 22 euro, il medico paga il 15% di tasse e il 17,5% di Enpam, la pensione. Molto meglio va per chi accetta di fare le vaccinazioni, in un’ora si guadagnano 40 euro.
“Con la pandemia sono stati trovati i fiondi e va benissimo ma si dovrebbe pensare e guardare oltre l’emergenza Covid” osserva il medico.

Se lo stato stanzia poche risorse l’ospedale che è un’azienda deve far quadrare il bilancio. Con il Covid erano stati assunti con contratti Cococo specializzandi agli ultimi anni. Ma queste sono figure temporanee.

A detta della categoria, insomma, “c’è troppa sproporzione tra quello che si fa in pronto soccorso e quello che si guadagna, si ha una responsabilità maggiore rispetto a un ospedaliero di altri reparti, e si è anche ad alto rischio denunce”.

Ecco perché serve aumentare l’organico. Questo è il primo passo da fare. Se aumenti il personale gestisci meglio i numeri e hai meno rischi di errore. Poi, a seguire, resta da affrontare il discorso economico.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui