Principale Cronaca Porto di Taranto – Taglio del nastro al Molo S. Cataldo

Porto di Taranto – Taglio del nastro al Molo S. Cataldo

La vice-ministra delle Infrastrutture e della Mobilità Teresa Bellanova ha presenziato all’inaugurazione della banchina di levante del Molo San Cataldo, al porto di Taranto.
La Bellanova è tornata nella città dei due mari a pochi mesi dall’avvio dei lavori, a fine luglio di quest’anno. Il completamento dei lavori della banchina di levante del Molo San Cataldo, oltre ad ammodernare la parte più storica del porto di Taranto, rappresenta una ulteriore opportunità di valorizzazione della infrastruttura ai fini turistici, contribuendo alla affermazione della città come destinazione crocieristica nel Mediterraneo.
“C’è un Sud che produce e che va al di là degli stereotipi – ha detto, dopo il taglio del nastro, la vice-ministra Bellanova – Esempi come quello di Taranto, con una impresa che rispetta i tempi e che, addirittura, come detto dal presidente dell’Autorità di Sistema portuale, conclude i lavori in anticipo dovrebbero essere la normalità”.

Particolarmente soddisfatta, infatti, l’impresa che ha realizzato l’opera. “Consideriamo quest’opera una sfida vinta. Prima degli indirizzi dettati dal piano di resistenza, qui a Taranto si è già applicato il modello resilienza. Qui si è creata e sviluppata la sinergia essenziale con gli enti, dall’Autorità di sistema portuale al Comune, alla Prefettura alla Provincia ed all’Arpa, che riteniamo sia stata strategica per realizzare nei tempi dovuti il miglior risultato sperato. La trasformazione radicale dello scalo portuale, in una visione internazionale ed europea, è oggi sotto gli occhi di tutti e noi, come R.C.M. Costruzioni, parte di questa unione d’intenti, non possiamo che esserne orgogliosi”, le parole di Elio ed Eugenio Rainone, in una nota trasmessa alla stampa, che guidano l’azienda da anni specializzata in opere marittime.

Soddisfazione anche da parte di Sergio Prete, presidente dell’Autorità di Sistema, che vede così realizzarsi un altro tassello nell’obiettivo di modernizzazione e diversificazione delle attività possibili nel porto di Taranto.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.