Principale Cultura & Società Sport & Motori Il contest “#NonnialMuseodelCalcio” regala la Nazionale a nonni e nipoti

Il contest “#NonnialMuseodelCalcio” regala la Nazionale a nonni e nipoti

Premiato Francesco, 8 anni: visita a Coverciano tra Museo del Calcio e Italia azzurra

Il contest, un’idea che fonde l’impegno della gara competitiva alla sorte di un concorso a premi, è la nuova modalità di sfida tra i ragazzi della società del terzo millennio. E questa competizione non ha limiti d’età o di condizione: lo sa bene il piccolo Francesco, un bambino aretino di appena 8 anni vincitore del concorso fotografico “#NonnialMuseodelCalcio”, che ha realizzato il desiderio di vedere da vicino la Coppa di Euro 2020 e la Nazionale di Calcio italiana.

In concomitanza con la Festa dei Nonni celebratasi lo scorso 2 ottobre, una famiglia di Monterchi (in provincia di Arezzo) ha regalato al proprio ometto il sogno di tanti “baby-calciatori” italiani: una giornata intera impegnata a seguire i Campioni d’Europa 2021 e ad ammirare i cimeli delle loro imprese, e tutto grazie ad uno scatto realizzato dentro al Museo del Calcio di Coverciano.

#NonnialMuseodelCalcio, i desideri di un bambino diventano realtà con una foto

Il giovane Francesco aveva più volte espresso alla madre il desiderio di ricevere, in occasione del compleanno, la possibilità di visitare il museo fiorentino. Preso in carico quest’impegno, i genitori hanno poi pensato di tentare la sorte nel contest di fotografia #NonnialMuseodelCalcio, immortalando figlio e nonno vicini in una foto che è risultata poi vincitrice di un premio ancora più grande: assistere di persona all’allenamento della Nazionale di Roberto Mancini.

«Mi ha chiesto come regalo di compleanno proprio la visita al Museo del Calcio», ha raccontato la mamma. «Francesco ci teneva a vedere la Coppa di Euro 2020, a “posarci gli occhi sopra”, come mi ha detto, ed a vedere le maglie dei Campioni d’Europa. È un grande tifoso degli Azzurri e l’esperienza che abbiamo vissuto oggi resta nel cuore e nel suo diario, dove appunta le emozioni».

La gioia di un bimbo si è unita quindi a quella dei suoi genitori e del proprio nonno nell’apprezzare dal vivo i trofei esposti nel museo dei campioni e, successivamente, gli stessi calciatori della formazione italiana durante una delle sedute d’allenamento guidate dal CT Mancini.

Antonio Quarta

Redazione Corriere di Puglia e Lucania

Il Corriere Nazionale

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.