Home Politica Dal nuovo Psi di Molfetta un invito al dialogo e al rispetto...

Dal nuovo Psi di Molfetta un invito al dialogo e al rispetto dell’altro

Uno scorcio della città di Molfetta

Molfetta –  L’assetto politico pare sia già in fribillazione  a un anno dal rinnovo del Consiglio comunale. Anche con una lotta ‘fratricida’ pur di non dover cedere la propria  rendita politica, o presunta tale.

E’ quanto denunciano i dirigenti del NUOVO PSI di Molfetta formalmente presenti con una propria direzione politica comunale.

L’accreditamento della nuova realtà Socialista,  i cui ideali, com’è noto, affondano le proprie radici storiche nel lontano 1892, anno di nascita del Partito Socialista Italiano a Genova, eredi del pensiero politico  del leader del PSI del Garofano, nonché  Dirigente dell’internazionale Socialista e già Presidente del Consiglio dei Ministri, Bettino Craxi, esule politico ad Hammamet, aprono ampi spazi di convergenze politiche ed alleanze.

Alle accuse ‘al vetriolo’ mosse dall’area socialista già con il simbolo della rosa, e pubblicate su di un giornale locale nei confronti dei Socialisti del  Garofano rosso  del Nuovo PSI, il Coordinatore cittadino ha preferito rispondere con toni pacati e concilianti.

Noi preferiamo confrontarci sui temi che ci possono unire, ha dichiarato il Coordinatore cittadino del Nuovo PSI di Molfetta, Girolamo Altamura, necessari per rigenerare nel nostro comune le forze produttive, l’occupazione, superare la povertà indotta dalla pandemia piuttosto che infantili e pressapochismi considerazioni puerili sulla legittimazione o meno a rappresentare una area politica storica che  alle recenti elezioni regionali ha convogliato sui di sè ben 31.000 voti di consensi”.

“Il NUOVO PSI”, ha proseguito  il dirigente cittadino Girolamo Altamura,   “raccoglie e promuove a Molfetta una riconosciuta propensione e affinità con la tradizione Socialista da parte di tantissimi concittadini che ha dato lustro sia alla economia locale, sia in materia di solidarietà e vicinanza ai bisogni del disagio economico e sociale”.

Di seguito il documento della Segreteria Cittadina del Nuovo Psi di Molfetta, in cui traspare un grande senso di responsabilità politica e pacatezza nei toni , che ben si addicono in un momento in cui è richiesta, al pari della compagine governativa, l’unità d’intenti per far ripartire il territorio di Molfetta.

Il documento politico diffuso dal Nuovo PSI

Vise

Infantilismo politico a Molfetta

Qualche giorno addietro Rai 3 ha trasmesso il film  “Hammamet” sulla tragica vicenda di un grande Socialista italiano , europeo e internazionale, Bettino Craxi , con il suo simbolo “il Garofano  voti di consenso.Rosso”; simbolo storico del Nuovo PSI nella piena tradizione del PSI; da poco comparso ,al posto della rosa,  su altri  gruppi che si autoproclamano senza pudore , quantomeno politico, giudici della storia e dei suoi uomini e come tali  ‘legittimati’ nel concedere o meno ‘patenti’  di buonismo a seconda del proprio tornaconto personale.

Una posizione di pressapochismo e infantilismo politico in cui il grande assente è sia l’interesse pubblico, innanzitutto;  sia la ricerca di punti di condivisione per meglio sostenere la politica di sviluppo socio-economico del nostro territorio, Molfetta.

L’impegno politico, la stessa vita democratica è possibile perché sorretta dalla memoria.

I mistificatori della storia devono confrontarsi con la memoria.

La memoria garantisce la permanenza dell’identità individuale e di gruppo, le radici, le tradizioni, l’effettiva conoscenza dei fatti del passato.

La conoscenza del passato  è una condizione necessaria per affrontare consapevolmente il presente e costruire il futuro.-

Anche per tali motivi  la cultura della memoria viene combattuta dalla cultura  della disinformazione e dell’oblio.

La memoria è un terribile nemico dell’egocentrismo , delle rendite di posizioni,  dei poteri o presunti tali, per cui  la vera storia  comincerebbe  con il loro insediamento; agli altri  tendono a riservare la procedura della mistificazione-demonizzazione.

Il NUOVO PSI eredita la politica nazionale, europea e internazionale del Garofano di Bettino Craxi ,leader indiscusso dell’Internazionale Socialista .

Giustizia Sociale, Pace, Lavoro, Democrazia sono le sue direttrici storiche,  nell’ambito di un impegno riformista e liberale aderente ai mutati contesti istituzionali.

Nato a Genova nel lontano 1892 dopo la battuta di arresto degli anni novanta che, com’è noto,  ha coinvolto tutti i Partiti dell’Arco Costituzionale, Socialisti storici  quali Gianni De Michelis, Margherita  Boniver, Tonino Caldoro, Lucio Barani, Stefano Caldoro,  Stefania Craxi e tanti altri dirigenti Socialisti hanno dato vita al NUOVO PSI che, ricordiamo, in Puglia  ha conseguito ben 31.000 voti alle recenti regionali. Sottolineiamo, per altro, che non sono mancati momenti di confronto  regionale del Nuovo PSI  con gli altri dirigenti regionali Socialisti.

E qui ci fermiamo con l’invito a ad approfondire la storia politica del partito e dei suoi uomini; sinteticamente indichiamo https://it.wikipedia.org/wiki/Nuovo_PSI

I Socialisti del NUOVO PSI sono aperti al dialogo con le Forze politiche  e Sociali locali su tutto ciò che ci può unire, nell’esclusivo interesse della comunità molfettese e comunque anche allorquando non condivideremo le posizioni di chicchessia, non mancherà mai il nostro attento ascolto per garantire  il diritto, la libertà ad esprimere il proprio pensiero, nel pieno rispetto dell’ ”altro”.

E’ la nostra democrazia, che affonda le sue radici nel lontano 1892, anno di nascita del Partito Socialista Italiano nella sua evoluzione storica in Nuovo PSI, al servizio  del nostro territorio per una rinascita economica, occupazionale, culturale e di solidarietà.per quelle famiglie che la pandemia ha  marginalizzato e ridotto in povertà e/o al limite della sopravvivenza.

Partito Socialista Italiano

NUOVO PSI MOLFETTA

Coordinamento Cittadino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui