Home Diritti & Lavoro Poesia. ‘Pane e…Quotidiano’

Poesia. ‘Pane e…Quotidiano’

Quotidiano

PANE E  QUOTIDIANO

la Poesia è per tutti, rubrica culturale del Corriere di Puglia e Lucania, a cura di M. Pia Latorre ed Ezia Di Monte.

L’intento della rubrica è quello di sfatare l’idea che la poesia sia qualcosa di astruso e che possa piacere o non piacere.

In realtà la poesia è nelle nostre vite più di quanto noi possiamo immaginare. Basti pensare alla commistione della poesia con le altre forme artistiche, per esempio alla musica pop, di cui essa è un riflesso.

Proporremo, ogni giorno, pochi grammi di poesia, legati ad un fatto del giorno o ad una data da ricordare sperando che, tra le mille incombenze quotidiane, ogni Lettore, possa ritagliarsi qualche minuto per stare a contatto con l’universo poetico che vibra intorno a noi.

Buona Poesia!

^^^

Il 25 ottobre 1976 muore a Parigi Raymond Queneau, scrittore, poeta e drammaturgo.  Nasce a Le Havre il 21 febbraio 1903. Sin da ragazzo  rivela la mania di tenere liste, inventari, statistiche, mappe e di interessarsi un poco a tutte le discipline (archeologia, logica, egittologia). Nel 1920 si iscrive alla Sorbona. A Parigi scopre i surrealisti, frequenta Jacques Prévert, conosce e sposa Janine Kahn (cognata di Breton).

Nel 1929 soggiorna per alcuni mesi in Portogallo. Tornato a Parigi pubblica il primo romanzo, Le Chiendent  per la casa editrice Gallimard, con la quale lavorò per gran parte della sua vita e dove diresse la collana “La Plume au Vent”.

Nel 1936 si trasferisce con moglie e figlio a Neuilly-sur-Seine, dove abiterà fino alla morte. A novembre dello stesso anno inizia a collaborare al giornale L’Intransigeant e terrà fino all’ottobre del 1938  una rubrica quotidiana fatta di domande e di risposte intitolata Connaissez-vous Paris?. Nel ’47 scrive  la sceneggiatura di “Candide 47” segnando così l’inizio del suo coinvolgimento al cinema. Nel 1960 lancia il movimento dell’OuLiPO, un gruppo di ricerca letteraria al quale partecipano anche Perec e Calvino, che ha lo scopo di proporre agli scrittori nuove strutture anche di natura matematica o inventare dei nuovi procedimenti artificiali e meccanici per aiutare la creatività.

Altri romanzi sono Les Fleurs bleues e Le vol d’Icare, mentre un “saggio” importante è Une Histoire modèle, sorta di riflessione matematica sulla storia.

Prendete una parola? prendetene due
fatele cuocere come se fossero uova
scaldatele a fuoco lento
versate la salsa enigmatica
spolverate con qualche stella
mettete pepe e fatele andare a vela.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui