Home Cultura & Società Il nuovo romanzo Caffè Enigma presentato al Salone del Libro di Torino...

Il nuovo romanzo Caffè Enigma presentato al Salone del Libro di Torino 2021

Il  15 ottobre 2021, al Salone del Libro di Torino 2021 è stato presentato il nuovo romanzo Caffè Enigma di Vito Marangelli presso lo Stand della Regione Puglia, spazio che ogni anno viene messo a disposizione di editori e autori pugliesi nell’ambito della grande kermesse libraria nazionale.

L’autore ha dialogato con Cristiano Marti, responsabile della casa editrice La Rambla, illustrando gli aspetti innovativi di un romanzo breve che è stato concepito come techno-thriller con l’innesto di temi insoliti, come le nanotecnologie, la musica classica e la cultura del Caffè.

Protagonista del thriller tecnologico è Alina Demidoff, una giovane studentessa ucraina che coltiva il sogno di una brillante carriera nel mondo accademico delle nanotecnologie.

La borsa di studio offertale da un misterioso filantropo, Nikolai Sokolov, presso un prestigioso centro di ricerche nanotecnologiche, si rivela non semplicemente una buona occasione di carriera ma una sfida dal volto drammatico con minacce, pericoli, sequestri e un segreto da rubare lontano, nella città di Lecce.

Durante la sua avventura Alina verrà a contatto  con una trama di interessi che rischia di ucciderla e sarà coinvolta nelle vicende del neonato Caffè Enigma in piazza S.Oronzo, un tempio della cultura del caffè, nel quale troverà la soluzione ai suoi problemi e anche l’amore.

Durante la presentazione, anche trasmessa in diretta via Facebook e visualizzabile al link  https://www.facebook.com/nilla.pappadopoli/videos/568900514340680, l’autore si è avvalso di un modellino di nano-particella realizzato da Giuseppe Pappadopoli, studente di Ingegneria del Politecnico di Bari, per meglio illustrare l’idea tecnologica alla base del thriller, una soluzione futuristica al trattamento dell’aterosclerosi, la malattia più diffusa nel mondo occidentale contemporaneo.

Vito Marangelli è un cardiologo che esordisce con questo romanzo, pubblicato in aprile e già ristampato tre volte, un notevole successo di vendita per un romanzo che contiene temi che vanno dal tecnologico alla musica classica e altro e che è stato anche segnalato al primo posto nella speciale classifica di Amazon Libri destinata ai Nuovi Thriller Tecnologici.

Alla domanda relativa al “perché un medico scrive un romanzo?”, spesso rivoltagli dal pubblico e dai relatori, Marangelli risponde “sono un cardiologo prestato alla narrativa.

Anche se nato in origine per un concorso letterario come racconto costruito intorno allo spunto della Cantata del Caffè di Johann Sebastian Bach, un brano poco noto del grande musicista tedesco, il testo è diventato un romanzo soprattutto grazie allo stimolo di mia moglie Nilla Pappadopoli e della nostra amica scrittrice Gabriella Genisi.

In realtà scrivo narrativa da molti anni, e ho anche maturato esperienze nella scrittura per il teatro e in campo pubblicistico. Sono da anni presidente dell’associazione Il Ponte di Eraclito, piuttosto attiva nell’ambito del panorama culturale della nostra città.

L’idea che mi ha affascinato è quella di poter parlare di Scienza in maniera interessante e conversativa disseminando nozioni utili sulle nuove tecnologie nella cornice di un thriller agile e molto leggibile, così mi dicono gran parte dei lettori, cosa che nasce dai miei interessi di lettore di techno-thriller maturati nel tempo grazie al mio idolo letterario, lo scrittore medico americano Michael Crichton.

In più ci ho aggiunto la mia passione per la Musica Classica, che ho letteralmente sposato essendo mia moglie pianista e direttrice d’orchestra, e per altro. Naturalmente non posso rivelarvi tutto. Spero che vorrete leggere il romanzo e fare la vostra personale esperienza.

Le mie lettrici mi dicono che mediamente sono riuscite a completare la lettura in tre ore circa, e mi fa molto piacere pensare che sia uno di quei libri che gli americani definiscono pageturner.

Confesso infine che mi sarebbe impossibile gestire questa nuova imprevista attività letteraria se non avessi il costante supporto organizzativo di mia moglie Nilla che, con le sue capacità manageriali, si occupa della gestione organizzativa delle presentazioni ”.

Il tour di presentazioni pugliesi proseguirà in date assai prossime a Bari presso il Circolo Canottieri Barion, a Molfetta e a Rutigliano.

Nilla Pappadopoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui