Home Politica Perché il centrosinistra ha vinto così nettamente i ballottaggi

Perché il centrosinistra ha vinto così nettamente i ballottaggi

Un’analisi delle dinamiche elettorali tra il primo e il secondo turno delle amministrative segnate da una clamorosa sconfitta nei capoluoghi di provincia dei candidati di centrodestra

© AGF – Roberto Gualtieri

Cosa c’è dietro la – netta – vittoria del centrosinistra ai ballottaggi di queste Amministrative 2021? Le risposte sono tante, ma se volessimo limitarci a un’unica risposta breve, condensata in una parola, potremmo dire: la smobilitazione degli avversari. Della (bassissima) affluenza di questa tornata elettorale si era già parlato dopo il primo turno, quando in tutte le città più grandi – con l’unica eccezione di Bologna – aveva votato meno del 50% degli aventi diritto. E i ballottaggi hanno ulteriormente accentuato questa dinamica.

Il caso più emblematico è ovviamente quello di Roma, dove Gualtieri ha battuto nettamente Michetti con oltre il 60% dei consensi, ribaltando ampiamente lo svantaggio di 3 punti rimediato al primo turno. Come mostra la nostra mappa, Gualtieri ha prevalso in ben 14 Municipi su 15. Fa eccezione solo il 6° Municipio, dove Michetti aveva ottenuto i suoi migliori risultati già al primo turno, sfiorando il 40%.

Questa mappa è importante perché è sostanzialmente sovrapponibile – in “negativo” per così dire – alla mappa dell’affluenza registrata al ballottaggio. O meglio, alla variazione dell’affluenza tra primo e secondo turno.

A fronte di un calo della partecipazione che sul piano cittadino è stato di circa l’8%, si vede bene come il Municipio 6 (il più scuro) è stato quello con il calo maggiore (oltre 10 punti), mentre l’affluenza ha tenuto meglio in quei quartieri (di colore più chiaro) che già al primo turno erano stati i punti di forza di Gualtieri, ossia i Municipi 1, 8 e 12.

Il risultato di Roma è certamente importante, ma non così inatteso. Anche l’affluenza così bassa (40,7%) non sorprende, dal momento che i due candidati al ballottaggio avevano ottenuto una percentuale di voto cumulata relativamente contenuta al primo turno (57%, la più bassa tra i capoluoghi andati al ballottaggio). Ma soprattutto perché, già più di un mese fa, i sondaggi avevano da tempo previsto che, in caso di ballottaggio tra Gualtieri e Michetti, il favorito sarebbe stato l’ex Ministro dell’Economia.

Per ribaltare questo scenario, Michetti avrebbe avuto bisogno di una campagna elettorale estremamente favorevole – soprattutto nelle ultime settimane – e di una fortissima mobilitazione dei suoi elettori, in particolare al ballottaggio. Nessuna di queste due condizioni si è verificata.

Il risultato di Torino è stato invece piuttosto sorprendente. Lo avevamo già rilevato dopo il primo turno, di fronte a un risultato (Lo Russo davanti a Damilano di 5 punti) che smentiva i sondaggi della vigilia, tutti concordi nel vedere Damilano leggermente davanti – o al più un testa a testa tra i due candidati principali.

Anche in questo caso Lo Russo risultava favorito negli scenari in cui si ipotizzava un ballottaggio, ma il margine della sua vittoria (oltre il 59%) è andato ben oltre le attese. Anche in questo caso, per spiegare il risultato possono venirci in aiuto le mappe dell’affluenza. Grazie a queste, possiamo vedere come la partecipazione tra primo e secondo turno sia letteralmente crollata nelle zone periferiche più a nord, che erano tra quelle dove Damilano era andato meglio già due settimane fa (confermandosi poi anche al ballottaggio) e dove la percentuale di votanti non è andata molto oltre il 35%. Emblematico il dato della Zona Statistica 76 (quella più scura) dove il calo è stato di oltre 10 punti.

Il dato interessante di Torino è forse un altro, ed è il comportamento degli (ex) elettori del Movimento 5 Stelle. Già due settimane fa, infatti, avevamo visto come coloro che nel 2016 votarono per Chiara Appendino al primo turno si fossero in maggioranza astenuti, e solo una piccola parte avesse votato per Valentina Sganga (candidata del M5S). Questa volta, l’analisi dei flussi basati sui dati di sezione ci dice che tra primo turno e ballottaggio anche chi aveva votato per la Sganga ha scelto in maggioranza di non scegliere, astenendosi.

Chi invece è andato a votare al ballottaggio, dopo aver scelto al primo turno per la candidata del M5S, si è orientato in netta maggioranza su Lo Russo. Ma si è trattato di un contributo numericamente troppo esiguo per aver influito sulla vittoria (ampia) del neosindaco di Torino, che pure inizialmente era percepito come un candidato debole, poco conosciuto e con un handicap rappresentato da una bassissima partecipazione alle primarie che lo avevano incoronato come il candidato della coalizione costruita attorno al PD.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui