Home Cultura & Società All’Anteas “Quei signori di Taranto alla fine del 16° secolo”

All’Anteas “Quei signori di Taranto alla fine del 16° secolo”

Riprendono gli appuntamenti con la cultura e la bellezza organizzati dall’Anteas di Taranto nell’ambito del progetto ”Sempre imparando” che, già da alcuni anni, propone incontri con esperti, presentazioni di opere artistiche e approfondimenti culturali.

Alle ore 17.00 di martedì 12 ottobre si terrà, presso la sede dell’Anteas in Corso Umberto n.144 a Taranto, “Quei signori di Taranto alla fine del 16° secolo”; la partecipazione è libera e gratuita, previo possesso del green pass o di certificazione di vaccinazione Covid-19: all’ingresso sarà misurata la temperatura e tutti dovranno indossare la mascherina.

In questo interessante appuntamento con la storia e la cultura di Taranto sarà il prof. Piero Massafra, noto editore e storico, operatore culturale dalle notevoli qualità comunicative, a tenere una conferenza sul periodo successivo al consiglio di Trento del 1574, quando approdò a Taranto l’illuminato Arcivescovo Lelio Brancaccio.

La copiosa documentazione dell’Arcivescovo ha permesso di conoscere ed approfondire l’ambiente, la struttura cittadina, l’urbanistica, i pregi e i difetti della Taranto di fine 16° secolo.

 

L’Anteas, sigla di “Associazione Nazionale Tutte le Età Attive per la Solidarietà”, è nata tra gli anziani e da sempre è aperta all’incontro con i giovani.

Anche a Taranto l’Anteas si propone di promuovere e sostenere le organizzazioni di volontariato volte a realizzare servizi e interventi di aiuto a favore delle persone bisognose con particolare attenzione agli anziani.

L’Anteas, che ha una dimensione nazionale ed è strutturata a livello regionale e territoriale, è nata nell’aprile del 1996 da un primo nucleo di esperienze locali di solidarietà, mentre marzo del 2003 è stato varato il nuovo statuto associativo per consolidarne la crescita, all’insegna della solidarietà sia civile che sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui