Home Cronaca Bari a fianco del  nuovo Psi per una giustizia giusta

Bari a fianco del  nuovo Psi per una giustizia giusta

Il NUOVO PSI in prima linea nella raccolta delle firme  per “Una Giustizia giusta”. Nella foto il gazebo allestito a Bari in via Argiro nel weekend. 

Il 4 giugno 2021 la Lega e il Partito Radicale hanno depositato in Cassazione i sei quesiti referendari sulla giustizia.

Il 2 luglio ha avuto inizio la raccolta firme: ne servono, com’è noto, 500 mila. L’iniziativa è condivisa da tutta l’area di Centro-destra, per cui i vari leader nazionali sin dalle prime battute hanno parlato di indiscusso  superamento del doppio delle firme necessarie entro il mese di settembre 2021.

Ecco i sei quesiti; gli argomenti sono noti, sinteticamente tuttavia:

Elezione al CSM: se approvato non sarà più necessario per i Magistrati  andare in cerca  di firme a sostegno della propria candidatura per essere eletti nel CSM, sottraendoli da possibili ‘trasversalità’ e condizionamenti;

Responsabilità diretta dei magistrati:  il quesito referendario prevede di abrogare una parte della legge n.117 del 1988, negli articoli un cui prevede che il magistrato non possa essere chiamato direttamente in causa in un giudizio civile.

Equa valutazione dei magistrati I magistrati devono essere valutati ogni quattro anni in merito alla loro condotta professionale. ll quesito prevede che anche la componente laica possa esprimersi sul del lavoro delle toghe

Separazione delle carriere:  il quesito punta a stabilire che il magistrato, una volta scelta la funzione, non possa più passare all’altra.

 Limite alla custodia cautelare; Il quesito referendario punta a limitare la possibilità di ricorrere alla carcerazione preventiva prima della sentenza definitiva.

Abolizione della legge Severino- Superamento della impossibilità di candidarsi,  anche solo di condanne di primo grado, per alcune specifiche ipotesi di reato , con  particolare riferimento a  quelle contro la pubblica amministrazione .

Tra i Partiti particolarmente sensibili alla raccolta delle firme  referendarie, a giudicare  dalla mobilitazione attivata  sul territorio, c’è sicuramente il NUOVO PSI con il suo storico simbolo del “Garofano rosso”, che ha sempre accompagnato il leader scomparso Bettino Craxi.

Con i suoi giovani militanti ,  il Nuovo PSI è stato presente in questo weekend appena trascorso con un suo gazebo, inconfondibile per la presenza di garofani rossi. Una tazebao colorato ne illustrava sinteticamente i contenuti dei sei quesiti referendari.

Il Segretario provinciale Mario Visciglia, che ha presenziato  il gruppo, ha parlato di grande ed entusiastico  afflusso dei baresi e degli incoraggiamenti ricevuti da comuni cittadini, consapevoli dell’ìmportanza di detto impegno politico da parte dei dirigenti del Garofano rosso. Attenti alle norme anticovid la raccolta delle firme, nella forma organizzativa  “NO STOP”, si è svolta  senza particolari problemi; da rilevare l’informativa data incessantemente e con molta cordialità ai tanti curiosi soffermatosi attorno al gazebo sul perché dei sei referendum e dell’impegno dei Socialisti del Garofano.

Soddisfatto il Vice Segretario Nazionale, Michele Simone,  presente all’evento con il Segretario Regionale per la Puglia per congratularsi con i dirigenti provinciali  e i componenti del seggio referendario.

vise

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui