Home Politica Afghanistan. La ritirata dell’occidente è cominciata dopo l’11 settembre

Afghanistan. La ritirata dell’occidente è cominciata dopo l’11 settembre

La stanchezza delle “guerre senza fine” ha comportato la ritirata dell’occidente da il pantano che i conflitti in Afghanistan e Iraq sono diventati nel tempo .

 Gli americani hanno voluto  alzare il ponte levatoio, riportare a casa le truppe, lasciare che la gente di quei paesi risolvesse i propri problemi, e infine rinunciare all’idea che il modello americano di democrazia liberale fosse un prodotto esportabile e da imporre. 

La crociata interventista liberale é finita.

Se  Trump  avesse vinto lo scorso novembre, avrebbe probabilmente ritirato le truppe statunitensi più rapidamente.  Joe Biden, oggi ha mantenuto la promessa di ritiro enunciata da Donald.

 Ma in termini politici, la cosa più pragmatica sarebbe stata continuare a scrivere assegni per pagare la permanenza dell’esercito americano, e gli altri eserciti, in Afghanistan per un altro anno.

  E poi un altro.  E forse un altro dopo.

 La pressione politica per il ritiro non è stata schiacciante.  Gli alti funzionari della Difesa, l’establishment della politica estera e gli alleati dell’America all’estero, pensavano che qualsiasi cosa diversa dallo status quo in Afghanistan sarebbe stata avventata.

 Ma una domanda rosicchiava la mente del nuovo presidente Biden, ed era quella posta da Hillel il Vecchio ai tempi biblici: “Se non ora, quando?”

 Biden, che nel 2009 consigliò al presidente Barack Obama di non inviare più truppe,  per ora ha preso una decisione.  E ha  ritirato le truppe dall’Afghanistan.  E questa potrebbe essere la decisione più importante della sua presidenza.

 20 anni… persi?

 Vale la pena ricordare perché gli Stati Uniti, il Regno Unito e altri paesi sono entrati in Afghanistan: I talebani erano, diventati una scuola per islamisti che volevano condurre la Jihad contro l’Occidente.

Tutti coloro che aspiravano ad essere elementi di al Qaeda  andavano  nel paese per allenarsi per la guerra santa. 

I terroristi dell’11 settembre avevano affinato le loro abilità e ordito il loro piano proprio in quei luoghi .

  L’eliminazione dei talebani e la lotta ad Al Qaeda sono diventati, nel tempo, elementi critici per la sicurezza mondiale.

Vent’anni dopo e tante vite perse, e tanti miliardi di dollari spesi, a cosa è servito tutto questo? Cosa è stato ottenuto?  Cosa bisogna dire alle famiglie di tutti quei soldati uccisi dai talebani a cui gli Stati Uniti ora si arrendono?

Cosa fermerà i gruppi estremisti dal ristabilire i loro campi di addestramento per la jihad?

Venerdì scorso, all’udienza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, è stato riferito che fino a 20 diversi gruppi di estremisti, che coinvolgono migliaia di combattenti stranieri, stanno già combattendo con le forze talebane.

 Una seconda guerra in Afghanistan?

 Sono sicuro che mentre scrivo questo articolo , più famiglie civili afgane faranno i bagagli per paura di cosa significherà il controllo dei talebani, magari dirigendosi nel nord della Francia e poi nel Regno Unito.

 Le scuole femminili torneranno ad essere depositi di armi?

 Le cicatrici dell’11 settembre sono evidenti ovunque: migliaia di militari sono tornati con protesi e menti disturbate.  I tassi di suicidio sono aumentati.  Le famiglie hanno perso i propri cari.  Per le strade degli Stati Uniti ci sono uomini con occhiali da mendicante di plastica rossa, molti di loro con cartelli che dicono che sono veterani dell’Iraq e dell’Afghanistan.

 Joe Biden sperava che la sua decisione avrebbe portato a titoli come “La guerra in Afghanistan è finita” o “La guerra più lunga d’America è finita”.

 Cosa potrebbe andare storto avrà pensato ?

Dopo 20 anni, e con il ripristino del controllo da parte dei talebani, gli storici potranno dire in futuro che il ventesimo anniversario dell’attentato alle Torri Gemelle ha segnato l’inizio di una seconda guerra in Afghanistan e non solo.

Dr.Antonio Peragine

direttore@corrierepl.it

Tags: 11 settembre, talebani, Afghanistan, biden, jihad?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui