Eventi & Spettacoli

Taranto – A Lama grande teatro con Lannutti & Corbo

Lannutti & Corbo – Ieri abbiamo assistito a due ore di teatro di grande spessore con risate, divertimento assistito da battute, con il godimento dovuto a quel rapporto tra attore e pubblico dal vivo.

Un’esperienza che mancava da tempo – sembra un secolo che non avveniva-.

Quell’affabulazione che c’è tra l’imbonitore dell’avanspettacolo, come dai primordi del teatro, ieri si è manifestata. Puntuale.

Con il vezzo del “signori venghino…” i due artisti hanno costruito lo spettacolo interloquendo col pubblico, reiterando possibilità continue: “ lo spettacolo potrebbe essere..”

Poi c’è stato di tutto, giocoleria, abilità circense, meta-costruzioni tra corpo e attrezzi, senza blocchi di scena, moltiplicando effetti con semplici modalità, un drappo, un fazzoletto, un filo… e tanta musica

Questa premessa per parlare dello spettacolo All’incirco Varietà di e con con Domenico Lannutti & Gaby Corbo.

Organizzato dal Crest di Taranto della rassegna: “In Cortile teatro di strada”.

Compagnia Lannutti & Corbo

Due artisti che si incontrano nella vita e sul palco: l’italiano Domenico Lannutti e l’argentina Gaby Corbo, entrambi artisticamente attivi dal 1995.

Hanno creato con la loro poetica insieme alla loro tecnica, uno stile unico nel panorama artistico nazionale con centinaia di repliche all’attivo ogni anno e un unico grande obiettivo.

Combinare le arti per produrre meraviglia a 360 gradi.

Nel 2012 costituiscono la P. I. P. P. U. Piccola Impresa Per Produrre Umorismo per organizzare corsi e seminari di circo teatro e teatro comico e, non di meno, per promuovere le produzioni della Compagnia.

Oltre che individualmente con i propri lavori teatrali, Lannutti e Corbo girano insieme l’Italia e l’Europa con “All’inCirco Varietà”, Zirk Comedy” e “Il Mago della Maiella e il giullare Bo”, spettacoli che fondono comicità, musica e magia bizzarra. 

Perfetta la location, l’area attrezzata della Chiesa Regina Pacis di Lama a Taranto. Uno spazio, come ha sottolineato il parroco Don Luigi, che si presta per le funzioni religiose e culturali.

Una parrocchia che apre al territorio come una grande famiglia. Un buon segno questo spettacolo rivolto ai bambini da 0 a 100 anni, come sottolinea Giovanni Guarino del Crest. 

Non ci resta che registrare questa disponibilità e apertura per guardare avanti.  Apprezzando la bravura di artisti che girano l’Italia dalla loro Maiella, come portafortuna contro la iella. 

E in questo periodo di ripresa di contagi ci serve davvero. 

Redazione Corriere Nazionale

Redazione Corriere di Puglia e Lucania

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button