Politica

Lotta alla criminalità, Cicala a Roma per una serie di riunioni

Nella veste di presidente del Coordinamento Commissioni e Osservatori sul contrasto della criminalità organizzata ha incontrato il Ministro Gelmini, partecipato alla Plenaria della Conferenza dei presidenti ed è stato audito dalla Commissione bicamerale antimafia 

POTENZA – “La sinergia tra Istituzioni è un elemento fondamentale per mettere in campo azioni efficaci per lo sviluppo di una cultura della legalità, elemento essenziale per la crescita dell’Italia”.

Partendo da questo assunto il Presidente del Consiglio regionale della Basilicata, nella veste di Presidente del Coordinamento delle Commissioni e Osservatori sul contrasto della criminalità organizzata e la promozione della legalità è a Roma in questi giorni per partecipare ad una serie di incontri su temi decisivi che l’Italia affronta da nord a sud, per realizzare un confronto utile a mettere in campo le strategie più adatte contro i fenomeni malavitosi.

Lunedì scorso Cicala ha preso parte alla Assemblea plenaria della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome in vista dell’incontro con il Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Mariastella Gelmini, per presentare le attività del Coordinamento delle Commissioni e Osservatori Regionali per il Contrasto alla Criminalità Organizzata e la Promozione della Legalità e “ribadire l’importanza della formazione a partire dalle scuole primarie sino alle università perché solo con una vera educazione alla legalità  è possibile aumentare il senso civico”.

“La mafia – dice Cicala – ha paura del coraggio e del cambio di cultura soprattutto dei giovani di questo nostro Paese. Gli insegnamenti dei giudici Falcone e Borsellino, di chi come loro ha perso la vita nella lotta alle mafie, di coloro che sono impegnati in prima linea ogni giorno nel contrasto alla criminalità, di chi non ha paura di denunciare perché crede nelle Istituzioni, sono la testimonianza importante dei valori di quella società sana che non si arrende dinanzi alla criminalità organizzata.

Dal primo giorno del mio mandato, l’attenzione verso il tema della legalità è stato molto alto, non solo coinvolgendo giovani e studenti in un percorso di prevenzione, ma scegliendo ogni giorno di agire con trasparenza ed onestà nel rispetto dei valori morali che le Istituzioni devono mantenere per agire per il bene dei cittadini e del territorio”.

“Come coordinamento – afferma il presidente Cicala – stiamo avviando una serie di iniziative legislative volte proprio al contrasto e alla promozione della legalità anche nella nostra regione, consapevoli di quanto importante sia attivarsi perché la criminalità, soprattutto in un momento storico come questo, non trovi terreno fertile ma uno scudo di difesa e protezione da parte delle Istituzioni tutte”.

Oggi il Presidente del Coordinamento delle Commissioni e Osservatori sul contrasto della criminalità organizzata e la promozione della legalità, Cicala ha illustrato alla Commissione bicamerale antimafia il lavoro fino ad oggi svolto a partire dalle due proposte di legge per il contrasto e la promozione della legalità.

La prima proposta “Interventi per la valorizzazione e il riutilizzo di beni ed aziende sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata” è il frutto di una fattiva collaborazione tra l’ufficio legislativo della Conferenza delle Assemblee Legislative e delle Province Autonome, il tavolo tecnico- politico del Coordinamento delle Commissioni e degli Osservatori regionali per il contrasto della criminalità e la promozione della legalità di concerto con l’ANBSC (Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata) e l’Anci nazionale.

La seconda legge ha come obiettivo l’istituzione dell’“Osservatorio come organismo di supporto della Regione Basilicata in materia di contrasto e di prevenzione dei fenomeni mafiosi e di criminalità organizzata, nonché di promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile”.

“Un chiaro segnale dell’intensa attività legislativa rivolta a fornire ai Consigli regionali gli strumenti utili per contrastare la criminalità organizzata e promuovere la legalità”.

Da segnalare infine che il Presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Carmine Cicala, nella giornata di lunedì scorso, ha partecipato alla riunione per l’insediamento della Cabina di regia dell’Accordo di partenariato relativo al programma “Terre rurali d’Europa”, nell’ambito della programmazione europea agenda 2030, progetto pilota Parcovie 2030. Obiettivo dell’incontro anche la programmazione delle iniziative per il progetto Transumanza, presenti gli altri presidenti dei Consigli che hanno sottoscritto il progetto: Abruzzo, Veneto, Marche, Molise, Puglia, Piemonte.

Il progetto punta a rilanciare un turismo sostenibile con la creazione di ciclovie e cammini nelle aree interne. 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button