Ambiente & Salute

I turisti nel mood “Salento delle Murge” con i nuovi Percorsi esperienziali

I dieci Percorsi esperienziali del “Salento delle Murge” sono molto più di un tradizionale itinerario turistico, sono straordinarie esperienze che permettono al turista di vivere in prima persona la natura, la cultura, l’enogastronomia, l’artigianato e le tradizioni di una meravigliosa zona della Puglia.

I Percorsi esperenziali sono la nuova iniziativa del network “Salento delle Murge”, l’innovativo progetto di rete per lo sviluppo turistico che ha realizzato un nuovo Marchio d’Area Turistica in un’area a cavallo tra le provincie di Taranto e di Brindisi.

In collaborazione con le numerose Istituzioni e aziende che aderiscono a questo innovativo network, la rete Salento delle Murge ha progettato per i turisti, e non solo, dieci Percorsi esperenziali che possono essere vissuti da tutti, anche dai bambini che, sotto i dieci anni, possono partecipare gratuitamente: sette sono disponibili tutto l’anno, mentre tre solo in primavera ed estate.

La prenotazione è ovviamente obbligatoria e sono previste riduzioni in base al numero di partecipanti; info e prenotazioni al +39 377 3570479, anche Whatsapp, o al +39 099 9469166, itinerarisalentodellemurge@gmail.com e www.salentodellemurge.com.

 

Le proposte sono estremamente varie per poter soddisfare tutte le esigenze e le passioni dei visitatori del Salento delle Murge, con un “massimo comun denominatore”: il turista sarà sempre protagonista dell’esperienza vivendola in prima persona!

Così due percorsi lo porteranno nei laboratori dei ceramisti di Grottaglie dove, “mettendo le mani” nell’argilla, imparerà come si produce un tradizionale “pumo” che poi diventerà il suo specialissimo souvenir!

Così l’appassionato di storia non potrà non vivere il Parco delle Mura Messapiche con le sue oltre 2000 tombe antiche riportate alla luce, mentre per i bikers vengono proposti due percorsi per esplorare i borghi antichi e la natura incontaminata del territorio del “Salento delle Murge”: uno lungo il “Canale dei Cupi” seguendo il fiume Ostone fino alla foce su una spiaggia meravigliosa, un altro nell’entroterra visitando un superbo ficheto.

Numerosi i percorsi enogastronomici i cui i sapori e le tradizioni si fondono in unicum: il turista potrà cogliere in una vigna i capperi imparando a conservarli sotto sale in un boccaccio che porterà a casa, o raccoglierà in un orto i pomodori con cui preparerà una gustosissima frisa.

Potrà imparare a distinguere, degustandolo, l’autentico olio extra vergine, l’alimento principe della dieta mediterranea, o assisterà alla produzione della mozzarella apprendendo tutti i segreti di questo superbo latticino che poi degusterà sul momento con il pane nei nostri forni a legna, o, infine, potrà fare un meraviglioso viaggio nel mondo delle api alla scoperta della biodiversità vedendo in un’arnia l’organizzazione di una colonia di questi infaticabili insetti.

Questa iniziativa del Salento delle Murge è finanziata nellʼambito del PSR Puglia 2014/2020 “Misura 16 – Sottomisura 16.3.2 Creazione di nuove forme di cooperazione per lo sviluppo/la commercializzazione dei servizi turistici” Dag di gestione PSR Puglia 2014/2020 n. 67/2017.

 

 

Salento delle Murge

 

Salento delle Murge è una iniziativa volta a realizzare un nuovo Marchio d’Area Turistica caratterizzato da una forte identità di zona; obiettivo finale è incentivare l’incoming di flussi turistici organizzati, in particolare attraverso la costituzione di una rete di operatori economici, la mappatura dei luoghi di interesse, l’integrazione di percorsi turistici e, infine, la valorizzazione delle produzioni locali.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il territorio di riferimento della rete “Salento delle Murge” – costituita un anno addietro – è una vasta area che, con trentasei comuni delle province di Taranto e Brindisi, comprende la parte più meridionale delle Murge e quella più settentrionale del Salento, in un ampio quadrilatero i cui confini vanno da Taranto a Brindisi, e da Torre San Gennaro sulla costa adriatica, fino a Torre Colimena sulla costa jonica.

Il progetto della rete “Salento delle Murge” è già stato “sposato” dalla Regione Puglia che lo sostiene attraverso il PSR Puglia 2014/2020 (Misura 16 – Sottomisura 16.3.2 “Creazione di nuove forme di cooperazione per lo sviluppo/la commercializzazione dei servizi turistici”).

Il network “Salento delle Murge” è una “rete aperta” e, pertanto, invita ad aderirvi tutti gli operatori economici e le Istituzioni del territorio, interessati a partecipare a un progetto per suo sviluppo turistico (Info Facebook @salentodellemurge – mail: salentodellemurge@gmail.com – pec: salentodellemurge@pec.it).

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button