Diritti & Lavoro

Undicesimo caso covid nel Bari. Situazione sotto controllo

Dunque è confermato l’undicesimo caso covid nella rosa del Bari. L’esito dei tamponi, consueti, effettuati ieri, hanno evidenziato, oggi, la positività di un altro giocatore che, ovviamente, è stato messo subito in isolamento come da prassi.

E’ una notizia molto preoccupante questa perché il rischio che possano contagiarsi altri giocatori è concreto nonostante le scrupolose attenzioni della società verso i tesserati. La cosa che lascia riflettere è che l’ultimo contagiato aveva effettuato entrambe le dosi di vaccino, ma è risaputo che chi ha completato l’iter vaccinale può contrarre il covid ugualmente, dunque nessuna novità.

Il punto, piuttosto, è un altro: le ripercussioni posso riversarsi sul mercato perché potrebbero esserci problemi di inserimento nella rosa, ovviamente la stessa cosa dicasi per le uscite. Non è facile, infatti, inserire un giocatore, sia nel Bari che in altre rose. Speriamo che questo ritardo maledetto non abbia ripercussioni sull’andamento delle competizioni (coppa e campionato).

Insomma, tutto è dannatamente complicato, mercato e stagione. Il rischio concreto è quello di arrivare alle partite ufficiali senza alcuna amichevole nelle gambe e soprattutto in condizioni non ottimali. Tra l’altro è stata ufficialmente annullata anche l’amichevole del 31 contro il Legnago. Per fortuna regna un buon umore nella truppa, cosa estremamente importante in questo momento.

Naturalmente nessuna novità per quanto concerne il mercato, si attende l’ufficialità di Mazzotta che, probabilmente a causa dei suddetti ritardi, non arriva ancora, mentre si tratta il rinnovo per Scavone. Per Antenucci, invece, non risulta ancora avviata alcuna trattativa. Sembra fatta, infine, per il prolungamento del contratto di Frattali che si spalmerà l’ingaggio in due anni.

Infine due parole sugli allenamenti di oggi. In mattinata, sotto una pioggia incessante, Mignani ha provato la linea difensiva con Di Cesare, Mane, Belli e Nannini, mentre i portieri, come al solito, si sono allenati agli ordini di Maurantonio, il resto della truppa in palestra.

Nel pomeriggio, invece, è stato effettuato uno schema volto a saltare l’uomo con le apposite sagome di metallo.

Due parole, infine, come considerazione: noi crediamo che è proprio con le difficoltà che si solidifica il gruppo. Essere consapevoli che qualcosa va storto, rafforza la mente e il cuore. Si ricorderà la meravigliosa stagione fallimentare quando tutto sembrava pregiudicato e poi sappiamo tutti come è andata a finire. Dunque, non fasciamoci la testa prima di rompercela.

Massimo Longo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button