Diritti & Lavoro

Bari: “A mano a mano può nascere un fiore da questa stagione”

E’ l’immagine di un’amicizia, precedente per tanti, nata sull’erba di tanti stadi e consolidata, ieri sera, nella hall di un albergo, un’amicizia sospinta dalla musica che ha il potere taumaturgico di unire tutti, come a tavola, anche con persone di diverse vedute.

Quell’immagine di Mirco Antenucci che si destreggia al pianoforte suonando canzoni di cantautori, leggendo gli spartiti dal proprio cellulare e che fanno cantare i suoi compagni, ma anche i tecnici, che, a loro volta, non conoscendo le parole, si aiutano coi propri cellulari, non è passata inosservata. Un segno di vera amicizia, corale, con la quale, idealmente, abbracciano anche i loro compagni che son partiti a causa di una maledetta forza maggiore, un “A mano a mano” quanto mai azzeccato che vuol significare un girotondo, mano nella mano, tra tutti quanti i compagni. Un sentimento di amicizia non certo ciceroniano ma aristotelico, dal quale, attraverso le note musicali, si sprigiona quell’affetto cameratesco indissolubile che mai come adesso si rende necessario e si cementifica diventando indistruttibile e che nessuno al mondo può slegare.

L’amicizia, si sa, nasce coltivandola sia sui banchi di scuola, sia su quelli dell’ambiente di lavoro, e per questi giocatori, che sono soggetti a trasferirsi ogni anno, è sempre difficile, per non dire impossibile, coltivarla per sempre. Si, magari, si rimane in contatto telefonico, si trascorrono le vacanze insieme, ci sono i social, tutto, ormai, riduce le distanze, ma il ”gruppo” quasi sempre si sfalda e quel legame si spezza sempre, ma ieri sera nell’hotel che ospita il Bari si è celebrato davvero un trionfo del sentimento forte, preciso, una sorta di giuramento di fratellanza e di amicizia che, idealmente, è estesa anche ai dieci mancanti, un messaggio per costoro che, con quel brano di Rino Gaetano, “A mano a mano”, tende a non far mancare l’affetto, il bene ed il sentimento verso chi è partito contagiato dal maledetto virus e che, naturalmente, non può far parte, fisicamente, del gruppo “sano”. Ma i dieci sfortunati erano lì, ieri sera, a cantare con loro.

Un segno davvero commovente che accomuna tutti quanti. “A mano a mano”, una straordinaria medicina, un vaccino che crea affetto smisurato e benessere psicofisico non indifferente.

L’amicizia, si sa, ha una dimensione rara, unica, ha il potere di smuovere recinti e confini che si abbattono, una barriera che si sbriciola come un muro, un’amicizia che, tra di loro, anche se momentaneamente, non si evaporerà.

L’amicizia non è altro che un amore, e il tempo che scorre ne è una componente essenziale che non va sprecato ma va assolutamente coltivato con estrema generosità. E ciò che abbiamo visto nel video di Lodrone di Storo di ieri sera sul web, ne è una prova.

Coraggio ragazzi, “può nascere un fiore da questo giardino”, ovvero da questa stagione.

Consideriamo questa canzone come l’inno ufficiale della stagione.

Massimo Longo

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button