Cannes premia “Titane” di Julia Docournau, gaffe di Spike Lee

Cannes premia “Titane” di Julia Docournau, gaffe di Spike Lee

Il 74mo Festival di Cannes premiacome miglior film “Titane”, opera seconda della francese Julia Ducourneau.

Sorta di horror fantasy con tarde derive cyberpunk, il film racconta la storia di una ragazza deviante, una serial killer incinta di una…cadillac cromata, che si nasconde alla polizia spacciandosi per il figlio redivivo di un pompiere.

Per l’Italia, che era in concorso con le “Tre stanze” di Nanni Moretti, la serata ha registrato solo il grande omaggio d’apertura a Marco Bellocchio, insignito di una Palma d’Onore consegnata da Paolo Sorrentino e coronata da una lunga standing ovation.

Spike Lee annuncia in anticipo la Palma d’Oro del Festival di Cannes 2021, commettendo una clamorosa gaffe. A vincere è il film horror-thriller “Titane” della regista francese 38enne Julia Ducournau.

Il regista statunitense ha commesso l’errore di rivelare il premio più importante a inizio cerimonia.

Dopo la consegna degli altri premi, la Palma d’oro è stata poi regolarmente annunciata da Sharon Stone.

Delusione per Nanni Moretti: il suo “Tre piani”, unico film italiano in gara, è rimasto a bocca asciutta.

Palma d’oro d’onore a Marco Bellocchio. Ducournau ricorda quando guardava Cannes da piccola: “A quei tempi ero certa che tutti i film premiati dovessero essere perfetti poiché si trovavano sul palco.

E questa sera, sono sullo stesso palco, ma so che il mio film non è perfetto. Ma penso che nessun film sia perfetto negli occhi della persona che l’ha realizzato.

Si potrebbe anche dire che il mio sia mostruoso» . Facendo notare che «il mondo sta diventando sempre più fluido», la regista ha ringraziato la giuria per aver abbracciato la diversity e per «aver lasciato entrare i mostri”.

Tutti i premi Grand Prix: ex aequo per Asghar Farhadi con «A Hero» e Juho Kuosmanen “Scompartimento No. 6” Miglior regia: Leos Carax per “Annette” Miglior sceneggiatura: Ryûsuke Hamaguchi, “Drive My Car” Miglior attrice: vince l’attrice norvegese Renate Reinsve con “The Worst Person in the World” Premio della giuria: ex aequo per Nadav Lapid con “Ahed’s Knee” e “Memoria” di Apichatpong Weerasethakul Miglior attore: L’attore americano Caleb Landry Jones vince per la miglior interpretazione maschile con il suo ruolo nel film “Nitram” di Justin Kurzel La Camera d’oro, il premio alla miglior opera prima della selezione, della 74/o festival di Cannes va a “Murina” della regista croata Antoneta Alamat Kusijanovic.

Al film “Drive my car”, del regista giapponese Ryusuke Hamaguchi, è andato il premio della critica internazionale e della giuria ecumenica

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *