Grande partecipazione alla prima edizione dell’asta “AAA Arte Amica di Ariel”

Grande partecipazione alla prima edizione dell’asta “AAA Arte Amica di Ariel”

Nuova asta solidale per i bambini con disabilità neuromotori

31 opere d’arte battute all’asta nel giro di un’ora dal direttore di Christies’s Italia, Cristiano De Lorenzo, per un totale di 27mila euro raccolti e interamente devoluti a Fondazione Ariel per i progetti dedicati ai bambini con disabilità neuromotorie.

Questi i numeri della prima edizione della mostra e asta benefica “AAA Arte Amica di Ariel” dello scorso 3 giugno, quando artisti, galleristi e collezionisti da tutta Italia hanno donato le loro opere, tutti pezzi unici e di pregio, a Fondazione Ariel, che da 18 anni è a fianco delle famiglie con bambini colpiti da Paralisi Cerebrale Infantile e altre malattie neuromotorie. Nel concreto, Ariel fornisce supporto psicologico e sociale, formazione medica e psicopedagogica, orientamento ai servizi; inoltre promuove la ricerca scientifica e propone attività di condivisione e animazione per uscire dall’isolamento.

Vincente è stata la scelta di organizzare l’asta in modalità mista, sia in presenza sia online, così in molti hanno potuto partecipare inviando prima le loro preferenze e collegandosi poi per aggiudicarsi l’opera ambita.

Sul sito astasolidaleariel.org è possibile ammirare le 17 opere ancora disponibili (presentate con immagini, descrizione, valore, profilo dell’autore e del donatore) per chi volesse fare un’offerta e sostenere i progetti della Fondazione che proseguiranno dopo l’estate con incontri e iniziative ideate e realizzate per le famiglie di bambini con disabilità.

Sono opere di arte contemporanea, come l’olio su tela “Quando vedere oltre di te” del ben quotato Marco Nereo Rotelli; la serigrafia, appartenente a un’edizione esaurita, “Money Rain” di Gomor; il collage su tela “Lacets d’Amour” della pittrice Antonella Cappuccio Muccino (madre del regista); l’acrilico su cartoncino “Donne in divenire” di Assunta Mollo, artista che combatte il Parkinson con la forza della pittura. Da evidenziare anche, tra i preziosi d’epoca, la tavola fiamminga del 1600/1700 “Soldati al posto di guardia” e, tra le fotografie, “Naked plants in Venice” del poliedrico Gianluca Balocco.

Per proporre un’offerta per una o più opere ancora disponibili, telefonare al numero 02.82242320 oppure inviare una mail a francesca.naboni.ariel@humanitas.it. 

L’iniziativa è resa possibile grazie ai tanti amici di Ariel vicini al mondo dell’arte: Christie’s Italia, Circolo Unificato dell’Esercito di Milano, BIG Broker Insurance Group, Fondazione Gianfranco Ferrè, Fondazione Maimeri, FIMA (Federazione Italiana Mercanti D’Arte), Associazione 5 Vie, Associazione AMAlago.

Con il patrocinio dell’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Milano.

Le opere sono state donate da collezionisti, artisti e gallerie d’arte: Massimo Ciaccio, Deodato Salafia, Gabriella Badi, Luca Balocco, Stefano Benazzo, Lino Bozzola, Antonella Cappuccio Muccino, Sandra Casagrande e Roberto Recalcati, Marta Cazzaniga, Paolo Chiodoni, Patrizia Comand, Anna Maria De Luca, Eugenio Falcioni, Iaia Filiberti, La Viscontea Casa d’Aste, Galleria Il Quadrifoglio Arte Antica, Mattia e Fulvio Luparia, Paolo Manazza, Osvaldo Moi, Assunta Mollo, Karim Nader Sobouti, Marco Nereo Rotelli, Raffaello Pernici, Marco Pollice, Carlo Teardo, Svetlana Shikova e Giuseppe La Spada, Sibyl von der Schulenburg e Rocco Zappalà.

Fondazione Ariel – Centro disabilità neuromotorie infantili è la stella guida delle famiglie con bambini con disabilità. Nata nel 2003 per rispondere ai bisogni delle famiglie di bambini con Paralisi Cerebrale Infantile e altre disabilità neuromotorie, Fondazione Ariel fornisce loro supporto psicologico e sociale, orientamento su servizi e risorse, formazione medica e psicopedagogica e informazione sui diritti. Ariel promuove inoltre la ricerca scientifica per sviluppare la conoscenza, il trattamento e la cura della PCI e delle altre patologie neuromotorie infantili.

Nei suoi 17 anni di attività, ha offerto un servizio di counseling telefonico e online rispondendo a oltre 3.000 richieste di aiuto da tutta Italia. Ha coinvolto oltre 2.500 famiglie in percorsi formativi e gruppi di sostegno e oltre 2.700 operatori (medici, psicologi, neuropsichiatri infantili, fisioterapisti, riabilitatori, educatori, ecc..) in momenti formativi (oltre 150 incontri in tutta Italia). fondazioneariel.it

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *