San Severo, ucciso il pregiudicato Matteo Anastasio e ferito il nipote

San Severo, ucciso il pregiudicato Matteo Anastasio e ferito il nipote

Il comunicato di Avviso Pubblico

L’omicidio di Matteo Anastasio a San Severo con il ferimento del nipote, un bambino di soli 6 anni che era sullo scooter dello zio per celebrare il trionfo degli Azzurri agli Europei di calcio, ci colpisce e ci lascia sgomenti.

“Quando si spara in mezzo alla gente significa che il senso di impunità è elevatissimo, pertanto chi lo fa è evidente che non teme nessuna ritorsione da parte delle forze dell’ordine – ha dichiarato il Vicepresidente di Avviso Pubblico Michele Abbaticchio, sindaco della Città di Bitonto (Ba) – Ma si tratta di un grave errore di valutazione perché l’attenzione su Foggia e provincia in questo momento è centrale da parte dello Stato e sicuramente non mancheranno delle reazioni immediate. Augurandoci che il piccolo possa presto essere fuori pericolo Avviso Pubblico auspica che ciascuno scelga di fare la propria parte, a partire dalla collaborazione con le Forze dell’Ordine per ricostruire l’accaduto perché è impossibile che non ci siano stati testimoni”.

“Basta con questa barbarie a San Severo, quel territorio ha bisogno di tranquillità. Intervenga fortemente lo Stato per ristabilire l’ordine e la sicurezza – ha continuato il Coordinatore regionale di Avviso Pubblico, Pierpaolo d’Arienzo, sindaco del Comune di Monte Sant’Angelo –. A distanza di due giorni dall’ennesimo episodio che ha coinvolto un amministratore pubblico, non è solo l’amministrazione sotto tiro ma un’intera città. Chiediamo pertanto con forza che la città di San Severo venga liberata da questo cancro che sta divorando lentamente la città e l’intero territorio, oltre che il tessuto sociale ed economico”.

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *