Diritti & Lavoro

Suicida in carcere in Spagna John Mcafee, il mago dell’antivirus

 John McAfee, imprenditore e fondatore dell’omonimo sistema antivirus, e’ stato trovato morto nel carcere di Brians 2, a Barcellona. Lo riporta il quotidiano “El Pais”, precisando che i funzionari della prigione lo hanno trovato impiccato nella sua cella. McAfee era in attesa di estradizione negli Stati Uniti dopo essere stato catturato dalla polizia spagnola all’aeroporto di El Prat con l’accusa di evasione fiscale. Il dipartimento di Giustizia assicura che “tutto fa pensare a un suicidio”, ma le circostanze andranno comunque chiarite con l’autopsia.

John McAfee, quello dell’antivirus, si e’ suicidato in una carcere vicino Barcellona, in Spagna, poco dopo il via libera alla sua estradizione negli Stati Uniti, dove rischiava 30 anni per evasione fiscale. I medici accorsi sul posto non hanno potuto fare niente. L’imprenditore milionario era stato arrestato in ottobre in Spagna, su ordine di cattura partito dagli Usa, dov’e’ accusato in particolare per la mancata dichiarazione dei redditi realizzati con la promozione di criptovalute e con la vendita dei diritti sulla storia della sua vita per un documentario. Anche da dietro le sbarre il suo profilo Twitter era rimasto attivo, e continuava a cinguettare il suo apprezzamento per le criptovalute e una serie di attacchi contro le autorita’ che, a suo avviso, lo perseguitavano.

Il re degli antivirus nel 2012 era stato sospettato della morte di Gregory Faull, un americano come lui finito a colpi di arma da fuoco a San Pedro Town, nell’isola di Ambergris in Belize, lo stesso paradiso tropicale dove McAfee si era trasferito dopo avere venduto per milioni di dollari quella che era allora la societa’ leader della protezione informatica nel settore dei personal computer. Per sfuggire all’interrogatorio della polizia aveva attraversato illegalmente il confine e chiesto asilo in Guatemala: una richiesta non andata a buon fine, tanto da costringerlo a rientrare negli Stati Uniti. McAfee non aveva mai abbandonato la sua passione per la tecnologia, con la quale aveva cercato di ricrearsi una carriera.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button