Arriva il green pass. Draghi firma il decreto

Arriva il green pass. Draghi firma il decreto

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha firmato il Decreto che definisce le modalità di rilascio delle Certificazioni verdi digitali COVID-19 che faciliteranno la partecipazione ad eventi pubblici, l’accesso alle strutture sanitarie assistenziali (RSA) e gli spostamenti sul territorio nazionale.

Con la firma del Dpcm si realizzano le condizioni per l’operatività del Regolamento Ue sul “GREEN PASS“, che a partire dal prossimo 1° luglio garantirà la piena interoperabilità delle certificazioni digitali di tutti i Paesi dell’Unione.

In tal modo, sarà assicurata la piena libertà di movimento sul territorio dell’Unione a tutti coloro che avranno un certificato nazionale valido. Intanto, da più parti nel mondo politico si chiede il superamento dell’obbligo della mascherina all’aperto.

E’ stato un incontro “molto utile”: così il leader della Lega Matteo Salvini, dopo il colloquio di stamattina a Palazzo Chigi con il premier Draghi. “Va tolto l’obbligo della mascherina almeno all’aperto, come già avviene in molti Paesi europei” sostiene il numero uno del Carroccio, che però aggiunge: “Ho espresso la mia preoccupazione per la situazione degli sbarchi, triplicati rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con l’aggravante che sono stati segnalati alcuni positivi alla variante Delta”. “Per la Lega – afferma inoltre Salvini – visto l’ottimo andamento della situazione sanitaria, occorre tutelare da subito il diritto all’impiego di 100mila donne e uomini che lavorano per discoteche e sale da ballo”.

“Togliere la mascherina all’aperto a partire da questa estate è l’obiettivo del governo, ed è vicino – scrive invece su Facebook il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio – È da mesi che aspettiamo questo momento e adesso che i numeri ci dicono che stiamo superando la crisi sanitaria bisogna accelerare. Un dato: 2 mesi fa c’erano più di 3mila persone ricoverate in terapia intensiva per covid, ieri 471

Per la prima volta dall’inizio della seconda ondata il numero di malati gravi è inferiore ai 500. In questi mesi la mascherina è stata uno strumento essenziale per proteggerci dal virus, adesso poterla togliere all’aperto è un primo passo verso il ritorno alla normalità, oltre che un gesto di ripartenza. Già altri Paesi europei hanno preso questa iniziativa e anche per noi il momento non è lontano, lo testimonia il fatto che quasi tutto il Paese sarà presto in zona bianca. Pian piano stiamo riconquistando tutti i nostri spazi e le nostre libertà. Qualche mese fa sembrava impossibile, ora invece finalmente vediamo la luce”.

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *