Home Cultura & Società Pinacoteca Metropolitana “Corrado Giaquinto”: presentato l’allestimento della Collezione Grieco e la nuova...

Pinacoteca Metropolitana “Corrado Giaquinto”: presentato l’allestimento della Collezione Grieco e la nuova Sala del ‘900

BARI – Il sindaco Decaro“Con questa nuova veste della Pinacoteca inauguriamo una nuova stagione di ripartenza per la città di Bari e per l’area metropolitana”

Un nuovo allestimento per la Collezione Grieco realizzato sulla base di innovativi criteri museografici ed una nuova sala interamente dedicata alle opere del ‘900, in prevalenza ad artisti pugliesi, autori di paesaggi e ritratti.

La Pinacoteca metropolitana “Corrado Giaquinto” in questi mesi di chiusura forzata, causata dalla pandemia Covid 19, non si è mai fermata, anzi, ha realizzato un restyling del percorso espositivo, progettando nuovi allestimenti e mettendo in cantiere importanti restauri.

Questa mattina, il sindaco metropolitano Antonio Decaro con la consigliera delegata alla Cultura – ICO – Biblioteca – Musei Francesca Pietroforte e la Dirigente del Servizio Beni e Attività Artistiche e Culturali Maria Grazia Magenta, hanno illustrato le novità del museo che si appresta ad accogliere visitatori e turisti alla presenza di Christine Farese Sperken, storica dell’arte, e dell’architetto Michele Ottomanelli che hanno curato allestimenti e disposizione delle opere.

La Pinacoteca ‘Corrado Giaquinto’ è come un tesoro nascosto che insieme, anno dopo anno, stiamo riscoprendo – commenta il sindaco metropolitano Decaro -. Nonostante le difficoltà legate alle risorse dell’ente e alla pandemia dell’ultimo anno abbiamo cercato di dare sostanza ad una visione condivisa ormai da tempo che oltre alla tutela di un patrimonio artistico di grande valore quello custodito nella Pinacoteca metropolitana puntasse anche alla sua valorizzazione e accessibilità. Un bene è tale se si ha la possibilità di conoscerlo e fruirlo da tutti. Questo per noi vale ancora di più se si tratta di cultura, di bellezza e di arte. Per questo siamo contenti di poter inaugurare questa nuova stagione di ripartenza per la città di Bari e per l’area metropolitana con una nuova veste per queste sale e soprattutto con una nuova e migliore offerta culturale per i cittadini e i turisti che da oggi potranno attraversare questa nuova storia”.  

È un momento importante per la Pinacoteca metropolitana. Riaprono due sale espositive con nuovi allestimenti e con innovative modalità di fruizione – dichiara la consigliera Pietroforte -. In questo momento è fondamentale rimettere al centro la cultura, perciò abbiamo voluto potenziare il Museo, uno dei presidi culturali più importanti della città. La sala del 900, del tutto nuova, mostra diverse opere che giacevano nei depositi ma estremamente significative nella loro capacità di raccontare l’arte, la storia, il rapporto con il territorio in quel preciso momento storico. Sarà una sala in cui le collezioni ruoteranno spesso in modo da offrire ai visitatori ogni volta suggestioni diverse”.

La nuova sistemazione della collezione Grieco, una preziosa raccolta di dipinti della seconda metà dell’800 e del primo ‘900, nasce dall’esigenza di cambiare volto ad un allestimento ormai datato. Facendo proprio il tema della Giornata Internazionale dei Musei dell’International Council of Museums, “Il futuro dei Musei: rigenerarsi e reinventarsi”, sulla base di nuove ricerche e criteri museografici attuali, è stato ripensato l’ordinamento e l’accostamento dei quadri provenienti dalla donazione di Luigi Grieco avvenuta nel 1985.

Questo ha consentito di ottimizzare gli spazi e permettere una distribuzione e un posizionamento delle opere orientato alla migliore fruizione da parte del visitatore e coerente con la visione critica proposta. La nuova sistemazione, che svela relazioni e affinità che collegano i quadri della collezione, mette in risalto le singole opere grazie ai vivaci colori delle pareti e dei pannelli, al nuovo sistema delle luci a led e al rinnovato apparato didattico. La maggior parte delle opere saranno collegate ad un codice QR che consentirà al visitatore di visualizzare una scheda di approfondimento. Il progetto di allestimento ha utilizzato parte di un sistema espositivo già nella disponibilità dell’Ente, che è stato riqualificato e adattato ai 200mq delle tre sale che ospitano la Collezione Grieco.

E’ stata, inoltre, presentata la nuova sala interamente dedicata alle opere del ‘900, contigua alla collezione Grieco, e spazio conclusivo del percorso di visita generale in precedenza occupata dalle opere di proprietà del Banco di Napoli. La mostra si propone di far conoscere una parte dell’ampio patrimonio artistico della Pinacoteca Metropolitana, incentrata sui dipinti del ‘900 in prevalenza di artisti pugliesi, autori di paesaggi e ritratti (R. Armenise, R. De Robertis, C. Levi, O. Martinelli, V. Stifano, R. Spizzico, F. Vacca). È stata anche allestita una sezione di dipinti contemporanei (U. Baldassarre, G. Fioroni, T. Maselli, U. Mastroianni, S. Salvemini) raggruppati intorno alla scultura di Nicola Carrino e all’opera 9mq di pozzanghere di Pino Pascali, uno dei lavori principali dell’artista. La sala del ‘900 sarà dedicata in futuro a mostre temporanee, che a rotazione proporranno varie tematiche inerenti alle collezioni della Pinacoteca.

Tra le novità ci sarà più attenzione ai bambini con nuove audioguide create appositamente che li terranno impegnati in una caccia al tesoro tra le opere del museo in compagnia di un supereroe.

Giovedì 17 giugno, alle ore 18.00, si terrà l’inaugurazione del nuovo allestimento. Nel rispetto delle norme anti Covid l’ingresso in Pinacoteca sarà contingentato, pertanto, si potrà accedere solo su invito.  Dopo le 19.00 l’ingresso al pubblico è con prenotazione obbligatoria inviando una mail all’indirizzo pinacoteca@cittametropolitana.ba.it o chiamando il numero 080.5412420.

Dal 18 giugno la Pinacoteca sarà regolarmente aperta al pubblico dal martedì al sabato dalle ore 9 alle 19 (ultimo ingresso 18.30). La domenica dalle ore 9 alle 13 (ultimo ingresso 12.30). Lunedì e festività chiusa. L’ingresso è gratuito.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui