Figliuolo, ‘sul green pass pronti in pochissimi giorni’

Figliuolo, ‘sul green pass pronti in pochissimi giorni’

“Sul Green pass siamo pronti, e’ questione di pochissimi giorni”, dice il commissario Figliuolo, che sottolinea come, nei 100 giorni dalla sua nomina, il lavoro abbia portato a 39 milioni e 320mila somministrazioni di vaccino: “L’Italia e’ molto ben posizionata nelle classifiche europee”. Via libera alla seconda dose di vaccino in vacanza, ma alle condizioni indicate da Figliuolo alle Regioni: ‘eccezionali motivi’, periodo di permanenza fuori dalla Regione di residenza ‘congruo’ e ‘adeguato preavviso’. Gia’ opzionata con l’Ue l’eventuale terza dose. Dal primo luglio Green pass europeo: l’Europarlamento ha dato l’ok.

“Sul green pass siamo pronti. E’ questione di pochi giorni”. Lo ha detto il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario emergenza Covid-19, durante l’iniziativa nel Cortile d’onore di Palazzo Marina nell’ambito della quale ha ricevuto in dono dall’Agenzia Industria Difesa un defender ricondizionato da utilizzare per la campagna anti-Covid.

“In merito a quanto proposto con il foglio in riferimento, relativamente alla somministrazione di vaccino anti Covid-19 a persone temporaneamente presenti in Regioni/P.A. diverse da quelle di residenza, con le comunicazioni a seguito sono già state fornite indicazioni affinché i sistemi di prenotazione consentano di agire in tal senso e sia garantita massima flessibilità alle attività vaccinali”, dice Francesco Paolo Figliuolo nella comunicazione inviata alle Regioni in merito alla vaccinazione dei vacanzieri.”Laddove per eccezionali motivi dovesse rendersi necessaria la somministrazione della seconda dose a lavoratori e turisti che soggiornano al di fuori della Regione/P.A. di residenza per un periodo di permanenza congruo, questa Struttura, qualora informata con adeguato preavviso, è disponibile al riequilibrio delle dosi da distribuire – aggiunge -. Per quanto attiene alla registrazione sui sistemi informatizzati le attuali procedure, qualora correttamente implementate da ciascuna Regione/P.A., già consentono la regolare tenuta dei flussi informativi”.

“Tanto lavoro, la soddisfazione di essere vicini agli italiani: i risultati sono 39 milioni e 320 mila somministrazioni di vaccini anti-Covid. Ritengo che questo parli da sé. L’Italia in questo momento è molto ben posizionata nelle classifiche europee per ciò che riguarda la somministrazione e le vaccinazioni, e soprattutto la cosa più importante è che ci sia voglia di vaccinarsi e si è vista l’importanza della vaccinazione che è un’architrave della messa in sicurezza del Paese e della ripartenza economica”. Così il commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus, il generale Francesco Paolo Figliuolo, rispondendo a chi gli chiedeva un bilancio dei primo 100 giorni da commissario.

Infine, sull’eventualità di una terza dose del vaccino anti-Covid: “Noi sappiamo che dopo un po’ di anni decadono gli effetti dei vaccini. La carica anticorpale del vaccino del tetano, ad esempio, dura dieci anni. Per altri tipi di vaccini magari dura quaranta o cinquant’anni. Per il Covid pensiamo che magari a distanza di un anno si dovrebbe fare un richiamo e noi ci stiamo già attrezzando dal punto di vista logistico e di approvvigionamento dei vaccini”.

Tag vaccino, Figliuolo

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *