Finissage della mostra fotografica di Nicola Vinci proiezione del filmostra Child Abuse

Finissage della mostra fotografica di Nicola Vinci proiezione del filmostra Child Abuse

Martedì 15 giugno 2021, ore 18 Fondazione Zucchelli ospita: Finissage della mostra fotografica di Nicola Vinci

Proiezione del filmostra CHILD ABUSE

A cura di Eleonora Frattarolo 

Con un dibattito sul tema degli abusi sui minori 

Zu.Art giardino delle arti di Fondazione Zucchelli,

Vicolo Malgrado 3/2 Bologna

                      Due opere fotografiche di Nicola Vinci. A sinistra, Ho tolto la mia pelle. A destra I viaggiatori.

Martedì 15 giugno alle ore 18, la Fondazione Zucchelli ospita il finissage della mostra dedicata al lavoro del fotografo Nicola Vinci con proiezione del filmostra CHILD ABUSE (ideazione, direzione artistica, sceneggiatura di Eleonora Frattarolo e regia di Davide Mastrangelo), entrambi a cura di Eleonora Frattarolo e già esposti a partire dal 7 maggio nella galleria Stefano Forni di Bologna. Per l’occasione, sarà proposto un dibattito sul tema urgente e dolorosamente attuale degli abusi sui minori, su cui interverranno, dopo i saluti della Presidente di Fondazione Zucchelli Rita Finzi:

Eleonora Frattarolo, Docente di Beni Culturali e Ambientali, Accademia di Belle Arti di Bologna

Marcello Lanari, Direttore Pediatria d’urgenza, Policlinico Sant’Orsola-Malpighi

Maurizio Stupiggia, Docente Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università Statale Milano

La Fondazione Zucchelli, particolarmente sensibile alle declinazioni etiche e sociali dell’arte contemporanea, è lieta di allestire nei propri spazi il filmostra CHILD ABUSE e le fotografie di uno dei suoi protagonisti, il fotografo Nicola Vinci, data la preziosa e rara collaborazione tra Arte e Medicina espressa da tale progetto, che ha coinvolto 15 artisti, 4 galleristi, il Policlinico Sant’Orsola-Malpighi, il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, con la collaborazione dell’Accademia di Belle Arti di Bologna.

CHILD ABUSE nasce come segmento del progetto europeo ProChild, per la sensibilizzazione sugli abusi sui minori, in cui sono coinvolti sei Paesi europei, capofila l’Italia con il Policlinico Sant’Orsola-Malpighi, Alma Mater Studiorum – Università degli studi di Bologna, Genus Bononiae – Musei nella Città.

Una chiamata per l’arte, che coinvolge istituzioni e artisti attenti ai complessi e ostici territori delle violenze, delle fragilità, dei turbamenti, nella contemporaneità. In CHILD ABUSE partecipano artisti da sempre attenti al mondo di un’infanzia e di un’adolescenza turbata, violata, abusata, tra cui Maurizio Cattelan, Elisabetta di Sopra, Giosetta Fioroni, Luciano Leonotti, Eleonora Mazza, Paolo Migliazza, Gianni Moretti, Rufoism, James Rielly, Edoardo Sessa, Vanni Spazzoli, Sanra Tomboloni, Massimiliano Usai, Nicola Vinci, Silvia Zagni.

L’incontro si terrà in sicurezza e in conformità con le vigenti regole per contrastare la diffusione del Covid-19.

Ingresso libero su prenotazione obbligatoria scrivendo alla mail arte@galleriastefanoforni.com

Redazione Corriere di Puglia e Lucania


Redazione

Redazione