Bravissima Taranto

Bravissima Taranto

Bravissima Taranto, bravissima la mia città.

di Evelyn Zappimbulso 

Quello che si capta per le vie di Taranto in questi giorni non è un semplice segno di ripresa. Non è solo luce dopo il buio di chiusure alternate a riaperture sofferte.

Taranto ingrana la quarta e parte davvero. Una primavera nuova, più gonfia e prosperosa fa da cornice ad uno spettacolo mai visto prima nell’accogliente rada di Mar Grande.

Il Sailgp a Taranto è molto più di una tappa intermedia di un evento mondiale. È l’ennesimo trampolino di lancio verso il futuro che meritiamo.

Meta settimanale dei turisti croceristi per tutta l’estate, ogni mercoledì. Un porto che prende vita. Tavolini ordinati all’aperto per ogni esercizio di bar e ristorazione. Una sentenza che frena il passo di un passato pesante. Tappa italiana del gran premio dei catamarani in velocità e le frecce tricolore a celebrarne l’evento. È Taranto.

Otto team internazionali composti da atleti di fama mondiale, in rappresentanza di Australia, Danimarca, Francia, Gran Bretagna, Giappone, Spagna, Nuova Zelanda e Stati Uniti, gareggiano nel campionato di vela più adrenalinico del pianeta.


E la trovano bella ed accogliente. I turisti, gli sportivi provenienti da ogni parte del globo, i giornalisti veri, quelli che gli angoli del mondo li conoscono davvero  la trovano bella e vedono nei tarantini un popolo fattivo ed ospitale.

Questa è Taranto, la città della Magna Grecia, la città dei due mari, la città che ha dato i natali ad Archita Aristosseno e Livio Andronico. Questa è la città che vogliamo, che incondizionatamente amiamo, che abbiamo sempre sognato.
Che sia davvero un segnale di svolta.

Per ora, bravissima Taranto.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Evelyn Zappimbulso

Evelyn Zappimbulso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *