Agiamo Manfredonia: secondo meeting in presenza

Agiamo Manfredonia: secondo meeting in presenza

Proseguono gli incontri in presenza di AgiAMO Manfredonia con i cittadini liberi che desiderano essere anche “consapevoli” di ciò che realmente è la situazione economico-amministrativa della città, ricordando la cattiva gestione delle passate amministrazioni ed offrendo un’idea di futuro possibile e sostenibile.

Il secondo meeting in presenza “Rinascerai e… Sarai bellissima” ha registrato l’esaurimento dei posti autorizzati dalla normativa anti-contagio, con una platea nuova rispetto al primo incontro, segno del notevole interesse della comunità verso la proposta civica del gruppo guidato dall’On. Antonio Tasso.

Il saluto iniziale è stato presentato da Annamaria Vitulano, giornalista vicina all’Associazione, che ha rimarcato l’interesse dei partecipanti per un progetto nuovo e slegato dagli interessi partitici e politici da sempre innestati nel tessuto sociale locale.

L’On. Tasso, prima dell’illustrazione dei macrotemi del programma operativo di AgiAMO, ha voluto spiegare la vicenda dello sventato dislocamento delle ambulanze del 118 (India) che, a rotazione, avrebbero dovuto lasciare il servizio a Manfredonia, Cerignola e Torremaggiore, per rafforzare la presenza di primo intervento a Vieste. Lo ha fatto con documenti alla mano, a dimostrazione delle azioni compiute, e non con semplici dichiarazioni di intenti.

Cogliendo il tema della sanità è intervenuta l’avv. Eleonora Pellico, di Cittadinanzattiva – TdM, che ha disegnato un quadro realistico della situazione del nosocomio sipontino, suggerendo soluzioni ed iniziative molto apprezzati dagli intervenuti.

L’ex consigliere comunale, Massimiliano Ritucci, ha raccontato il degrado amministrativo, anche in riferimento al “flop” delle zone industriali, indicando il possibile percorso per la riqualificazione di quelle aree che dovranno essere infrastrutturate per risultare attraenti per gli investitori locali e non.

Il focus dell’incontro, stavolta, è stato il turismo, mai pianificato e mai incoraggiato a Manfredonia. La lucida analisi della “sempreverde” Vittoria De Salvia, vulcanica imprenditrice, che con tra gli applausi dei partecipanti ha offerto la narrazione di quanto sarebbe possibile (e si dovrebbe) fare per gettare le basi di una ipotesi realizzabile di sviluppo turistico.

Le voci giovani ed intraprendenti di Leonardo Palumbo, dottore in informatica e Vice Presidente di AgiAMO, e di Candida Laquale, imprenditrice nel settore marketing ed eventi, hanno proposto punti di vista e suggerimenti su come impostare un’idea di lancio turistico, riprendendo quanto di positivo realizzato in altri territori non lontano dal nostro.

Anche con una programmazione di eventi che generino un circuito economico, con una capace amministrazione che sappia reperire fondi disponibili a livello regionale, nazionale ed europeo, come ha evidenziato Michele Sacco, promotore e mente attiva dell’APS “La Traccia Nascosta”.

Concetto ribadito anche da Lino Troiano, noto imprenditore sipontino, che si è dichiarato felice di poter affrontare una nuova esperienza con AgiAMO e di cui si ricorda l’impegno civico come presidente del Comitato Organizzatore della Festa Patronale, in due apprezzate edizioni, e sportivo alla guida della locale squadra di calcio.

Diversi gli interventi da parte dei cittadini intervenuti, molti dei quali hanno già sposato il progetto AgiAMO, tra cui quello di Celestino Lombardi, impiegato in azienda privata, sull’attenzione da porre alla qualità delle interlocuzioni politiche, e di Ivano Latronica, artista teatrale e cabarettista, che ha offerto la sua riflessione sul mondo dello spettacolo, sofferente in questo periodo, come elemento di attrazione turistica del territorio.

A breve la realizzazione del terzo meeting come annunciato dal parlamentare della Capitanata.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *