Vaccinazioni, Gabellone scrive a Lopalco: rimediare ai ritardi con i caregiver e prevederla ai futuri sposi

Vaccinazioni, Gabellone scrive a Lopalco: rimediare ai ritardi con i caregiver e prevederla ai futuri sposi

Dichiarazione del consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Antonio Gabellone.

“Sono due le problematiche relative alle vaccinazioni anti-covid che ancora persistono: i ritardi nella vaccinazione di disabili, careviger e familiari, e la necessità di vaccinazione prioritaria anche per coloro che contraggono matrimonio. Per questo ho scritto all’assessore alla sanità, Lopalco.

Per la prima questione ho anche chiesto, nei giorni scorsi, un’audizione urgente. Tuttavia, la delicatezza di quanto sarà trattato impone una soluzione immediata che non può attendere le tempistiche della regolare convocazione delle commissioni consiliari.

Motivo per il quale ho scritto a Lopalco ponendo alla sua attenzione le istanze che provengono dalle persone con disabilità grave, per i loro familiari conviventi, per i loro genitori/tutori/affidatari e per i loro caregiver.

Persone che lamentano che, ad oggi, continuano ad incontrare difficoltà, se non addirittura l’impossibilità di prenotare la vaccinazione, specie per quanto riguarda il secondo caregiver, nonostante nel corso dell’ultima seduta della terza commissione, proprio Lopalco aveva affermato che potevano essere sottoposti a vaccinazione. Pertanto, chiedo all’assessore di dare indicazioni agli uffici competenti di mettere in moto la macchina amministrativa per dare in tempi rapidi la possibilità di vaccinarsi a dette categorie.

La seconda problematica riguarda l’imminente ripartenza del settore del wedding e alcune perplessità e dubbi che sono stati posti da coloro che hanno fissato la data del loro matrimonio a partire dal 15 giugno in poi.

Le maggiori titubanze dei futuri sposi riguardano i ricevimenti, perché se è vero che il Governo, dal 15 giugno, ha previsto la possibilità di tornare a organizzare le feste per le nozze, allo stesso tempo ha imposto regole molto rigide per la partecipazione.

Infatti, per prendere parte al ricevimento servirà il green pass, la certificazione rilasciata dalle autorità sanitarie che attesta di avere concluso il ciclo vaccinale o di avere ricevuto la prima dose da almeno 15 giorni. Inoltre, può anche succedere che uno o entrambi i fidanzati possano contrarre il virus nei giorni precedenti il matrimonio e tanto comporterebbe l’annullamento dello stesso con inevitabili conseguenze economiche negative per il settore del wedding, fiorai, ristoratori, musicisti.

Ragion per cui, ho chiesto a Lopalco se non ritiene opportuno consentire prioritariamente la vaccinazione a coloro che hanno fissato la data del loro matrimonio a partire dal 15 giugno sino a settembre 2021”.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *