L’Italia e’ tutta gialla tranne la Val d’Aosta

L’Italia e’ tutta gialla tranne la Val d’Aosta

 Italia tutta gialla tranne la valle d’Aosta che resta arancione. Il ministro della Salute Roberto Speranza firma una nuova ordinanza che andra’ in vigore dal 17 maggio. Passano in area gialla Sicilia e Sardegna. Resta in area arancione la Valle d’Aosta.

Speranza ha anche firmato un’ordinanza che prevede lo stop alla quarantena, dal 16 maggio, in Italia dai Paesi dell’Ue. “In Italia la curva indica una progressiva decrescita”, ha detto il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro, secondo cui “progressivamente l’idea e’ di arrivare a superare la misura del coprifuoco”. 7.567 i positivi in Italia nelle ultime 24 ore. 182 le vittime. Tasso positivita’ al 2,5%.

La Corte dei Conti ferma il decreto che attivava i fondi per la biontech romana ReiThera, che non ricevera’ quindi gli 81 milioni promessi da Invitalia lo scorso gennaio.

Uno stop preventivo che di fatto blocca il provvedimento. “Attendiamo ancora la motivazione”, spiegano fonti del ministero dello Sviluppo, sottolineando che nel frattempo il piano per la produzione va avanti. Il commissario Figliuolo annuncia intanto modifiche al piano vaccinale, con piu’ dosi di AstraZeneca alle Regioni del Nord. Previsti bilanciamenti fra le Regioni in modo da usare tutte le dosi del vaccino anglosvedese.

Mentre il Lazio chiede 100mila dosi inutilizzate di AstraZeneca, Bertolaso annuncia: il 2 giugno la Lombardia apre le vaccinazioni per 16-29enni.


Redazione

Redazione