Guardrail tagliati sulla Carosino – Francavilla

Guardrail tagliati sulla Carosino – Francavilla

Il consigliere dell’unione dei comuni della fascia orientale della provincia di taranto Angelo Di Lena scrive alla provincia per segnalare dei guardrail tagliati sulla Carosino- Francavilla.

Guardrail tagliati – Sulle nostre strade provinciali si continuano a verificare incidenti stradali, purtroppo, in alcuni casi, anche mortali.

Le istituzioni locali potrebbero fare molto di più .

Nei giorni scorsi, alcuni residenti della provincia ionica hanno segnalato che all’ingresso di Carosino ,strada provinciale 4 bis ex SS 603 Carosino-Francavilla Fontana da ambo i lati.

Come vedete in foto ci sono guardrail tagliati e messi  dei nastri colorati.

Subito dopo la segnalazione è intervenuto il consigliere dell’Unione dei comuni della fascia orientale della Provincia di Taranto Angelo Di Lena, come sempre in prima fila nel denunciare le situazioni di pericolo e le problematiche della viabilità di Terra ionica , il quale ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

guardrail

La Provincia, sollecitata da noi politici locali, ha fatto qualcosa disponendo l’asfaltatura del tratto in questione, ma occorre fare di più, molto di più .

Quanto meno dovrebbe dare una spiegazione sulla presenza di questo nastro su una strada sterrata che non da nessuna sicurezza stradale .

Continuerò a battermi, come rappresentante delle istituzioni per chiedere un ulteriore intervento alla Provincia per migliorare le condizioni di questa strada e garantire la sicurezza dei cittadini.

Mettere dei nastri che possano sostituire un guardrail è davvero assurdo.

Ho presentato, per tutte queste ragioni e in data odierna, un esposto alla Provincia per chiedere :

le ragioni dell’installazione di questo nastro, forse perché vi è un intersezione con uno sterrato agricolo?
E se così fosse perché non viene segnalato adeguatamente?

Da parte mia prometto, come sempre, il massimo dell’impegno nella denuncia e per la risoluzione dei problemi”.

Sostieni il Corriere di Puglia e Lucania

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *