Taranto – Dal green Deal ai giovani: nasce Europe Direct Taranto

Taranto – Dal green Deal ai giovani: nasce Europe Direct Taranto

“Abbiamo raccolto nei giorni scorsi la disponibilità del primo vicepresidente della Commissione Europea, Frans Timmermans, a essere prossimamente a Taranto: stiamo valutando la data sulla base dei suoi impegni, ma vogliamo condividere con voi questa bella notizia che testimonia la vicinanza delle istituzioni comunitarie a questo territorio».

Lo ha annunciato Claudia De Stefanis, capo del team comunicazione e reti d’informazione della Rappresentanza in Italia della Commissione europea durante la conferenza stampa di presentazione di «Europe Direct Taranto», centro di informazione e coinvolgimento locale sulle tematiche di attualità per l’Unione europea, formazione, pubblicazioni e opportunità di networking aperto a Taranto dal 1° maggio scorso: è stato Programma Sviluppo, con l’ITS Logistica Puglia, a figurare tra i vincitori del bando europeo.

Nell’incontro con gli organi di stampa, De Stefanis ha evidenziato che «la partecipazione di Taranto alla rete di Europe Direct ci sta veramente a cuore. E non è un caso – ha aggiunto De Stefanis – che proprio Timmermans in occasione di un’intervista abbia raccontato il suo sogno di voler portare l’acciaio verde a Taranto. Questa città può essere il simbolo del Green Deal Europeo su questo vogliamo lavorare e vogliamo collaborare e siamo felici che Programma Sviluppo e Its Logistica Puglia siano sostenuti in questo nuovo percorso dal Comune di Taranto».

È stata Annachiara Stefanucci, responsabile di Europe Direct Taranto, a illustrare ai giornalisti gli obiettivi del centro che in questa fase iniziale avrà la sua collocazione nelle sedi di Programma Sviluppo. «Il payoff che abbiamo scelto è “L’Europa a Taranto, Taranto in Europa” – ha spiegato Stefanucci – perché vogliamo creare un filo diretto con le istituzioni europee per cogliere occasioni e opportunità offerte dall’UE e recepire istanze e necessità del territorio da portare all’attenzione degli organi comunitari. Avremo un piano di attività molto fitto per il 2021 tra eventi di promozione con i cittadini, infoday tematici e laboratori di progettazione. In calendario, soprattutto – ha sottolineato la responsabile di Edic, acronimo di Europe Direct Information Center – un forum di alto livello per discutere proprio qui del Green Deal, con decisioni maker di calibro nazionale e internazionale». Ai cittadini, imprese, associazioni, scuole ed enti pubblici sarà sufficiente inviare una mail all’indirizzo info@edtaranto.eu per fissare un appuntamento con lo staff e valutare gli strumenti e le occasioni messe a disposizione dall’UE per sviluppare progetti e contribuire a stimolare il nuovo corso per la comunità ionica. E da giorni, inoltre, sono già disponibili i canali social sulle piattaforme Facebook, Instagram e Twitter.
Grande soddisfazione è stata espressa da Silvio Busico, direttore generale di Programma Sviluppo scelta dalla commissione Europea per l’elevata qualità della sua proposta progettuale: «È un traguardo importante dopo tanti anni di attività sul territorio che premia gli sforzi degli staff di Programma Sviluppo e Its Logistica Puglia. Lavoriamo da tanti anni con i fondi comunitari e vogliamo mettere a disposizione dell’intera cittadinanza, delle imprese, delle associazioni, il nostro know how e le grandi opportunità che arrivano da Bruxelles».
Per Fabrizio Manzulli, assessore comunale allo Sviluppo Economico, la nascita di Europe Direct Taranto è una grande possibilità che permetterà di «ampliare l’idea di sviluppo legata alla formazione e alle nuove possibilità. Per noi – ha commentato l’esponente dell’amministrazione guidata da Rinaldo Melucci – è fondamentale che la città si senta sempre di più europea. Questa nuova esperienza, inoltre, consentirà alle nuove generazioni di sentirsi più vicini alle istituzioni europee e alle occasioni che sono fondamentali nel progetto di rinascita della città e possono aiutare nella conversione e nel cambio di paradigma che la nostra con Ecosistema Taranto stiamo portando avanti».

Redazione Corriere di Puglia e Lucania


Redazione

Redazione